Vaccinati all’estero con sieri non autorizzati dall’EMA: disponibile la dose di richiamo in Italia con vaccino a m-RNA

da | 8 Nov 2021 | 0 commenti

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Dal 4 novembre, a seguito di una nuova circolare del Ministro della Salute, i soggetti vaccinati all’estero con un vaccino non autorizzato dall’EMA (l’Agenzia europea per i medicinali) possono ricevere una dose di richiamo con vaccino a m-RNA (Pfizer o Moderna) nei dosaggi autorizzati per il “booster” a partire da ventotto giorni e fino a un massimo di sei mesi dal completamento del ciclo primario.

Lo segnala il Ministero degli Esteri, precisando che «il completamento di tale ciclo vaccinale integrato è riconosciuto come equivalente a quello effettuato in Italia».

Sempre la Farnesina spiega inoltre che «superato il termine massimo di sei mesi dal completamento del ciclo primario con vaccino non autorizzato da EMA, così come in caso di mancato completamento dello stesso, è possibile procedere con un ciclo vaccinale primario completo con vaccino a m-RNA».

Maggiori informazioni sono disponibili sul focus “Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia” presente nel sito: www.esteri.it.

Meteo Dolomiti

link esterno al Centro Valanghe di Arabba: immagine che illustra le previsioni meteorologiche per la giornata di domani.

A cura del Servizio Meteorologico Regionale
Centro Valanghe di Arabba

Ricette Dolomitiche

Ricette Dolomitiche
Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress