Uruguay, nuovo Ufficio consolare a Montevideo

Tutto è pronto per l’inaugurazione del nuovo ufficio consolare a Montevideo in programma per domani, venerdì 16 agosto. Si tratta di uno spazio di 200 mq, che si aggiungono ai 15 mq della stanza della attuale cancelleria Consolare dove vengono offerti i servizi ai connazionali dopo la chiusura del Consolato nel 2015.

Inoltre all’inizio del 2020 cominceranno i lavori di costruzione del nuovo Consolato italiano a Montevideo: una struttura di ben 700 m2, più moderna e sicura, che sarà dotata di tecnologie d’avanguardia.

“Da quando siamo alla Farnesina non facciamo altro che lavorare nell’interesse esclusivo degli italiani nel mondo e dell’Italia” sottolinea il sottosegretario Merlo in una nota. “Continuiamo a farlo anche ora, consapevoli come siamo che per i nostri italiani all’estero non esistono le ferie agostane, essi continuano a lavorare come durante tutto l’anno. E a loro vogliamo continuare a dare risposte”.

“Anche a Montevideo, dunque, città in cui risiedono circa 150mila connazionali, oltre migliaia di oriundi, nuovi uffici e nuovo personale, per essere ancora più vicini ai nostri connazionali e alle loro necessità”. E Merlo, che è anche presidente del Maie aggiunge: “Il lavoro per gli italiani nel mondo continua senza pause anche nel pieno dell’estate italiana. Sono veramente soddisfatto, ricordo ancora quando facevamo le manifestazioni davanti al Consolato chiuso… Altri tempi. Con il Maie al governo la musica è cambiata. E anche sul Consolato di Montevideo possiamo dire: impegno mantenuto”.

Accademia Italiana della Cucina, eventi a Istanbul in collaborazione con Ambasciata d’Italia in Turchia

Per tutti i bellunesi residenti in Turchia e per i loro amici appassionati della cucina italiana un appuntamento culinario da non perdere. Dal 17 al 19 settembre si terranno a Istanbul una serie di eventi organizzati dalla delegazione locale dell’Accademia Italiana della Cucina in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Turchia per la promozione della cucina italiana.

In apertura – si legge in una nota dell’Accademia – , si terrà una conferenza stampa su queste iniziative congiunte dell’Ambasciata e dell’Accademia (delegazione di Istanbul). Ci sarà una conferenza sulla gastronomia e cultura italiana cui seguirà uno show cooking presso le due università con le facoltà di arte culinaria più importanti del Paese: l’Università di Yeditepe e l’Università Ozyeğin. Non mancherà una riunione conviviale presso Palazzo Venezia, sede dell’Ambasciata, con qualificati ospiti opinionisti di settore.

In occasione di questi eventi, si terrà anche la cerimonia di consegna dei prestigiosi premi nazionali dell’Accademia assegnati allo chef Giancarlo Gottardo, executive chef di Divan  (Premio Giovanni Nuvoletti) e al ristorante Papermoon

Istruzioni per l’uso: Brexit, prepararsi all’uscita del Regno Unito dall’Unione europea

Una notizia che di certo interesserà il bellunese che questo momento si trova nel Regno Unito. Palazzo Chigi rende noto che è disponibile, sul proprio sito istituzionale, l’ultima versione del documento “Prepararsi al recesso senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea – Informazioni sulle conseguenze e sui preparativi allo scenario di una Brexit senza accordo di recesso (Luglio 2019)”. Gli aggiornamenti sono a cura della ‘Task Force Brexit’ di Palazzo Chigi, presieduta dall’Ambasciatore Pietro Benassi. Gli aggiornamenti riguardano, tra gli altri, i seguenti settori: diritti dei cittadini e coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, studenti, servizi finanziari, trasporti, settore agroalimentare, mercato interno e assistenza alle imprese (con l’istituzione a Londra di un “Help Desk Brexit” dell’Agenzia ICE). Si invitano tutti i soggetti interessati dall’uscita del Regno Unito dall’Ue a prenderne visione e ad avviare o proseguire i lavori di preparazione che si rendessero necessari, a tutti i livelli, per far fronte alle conseguenze del recesso del Regno Unito dall’Ue.

Novità dal Consolato generale di Londra

Grandi novità per gli italiani residenti a Londra. iDiventerà operativa il prossimo 27 agosto la nuova Sede distaccata del Consolato Generale. A pochi passi dalla Sede principale, la nuova struttura – che non sarà aperta al pubblico – servirà per aumentare la produttività del Consolato, da un lato per “prestare la massima assistenza alla collettività e potenziare i servizi consolari in un momento, quello della Brexit, particolarmente delicato per i cittadini italiani residenti nel Regno Unito” e, dall’altro, anche per smaltire le pratiche arretrate.
In aggiunta, pochi giorni fa, il Consolato Generale ha pubblicato sul proprio sito internet due procedure di selezione per 5 impiegati a tempo indeterminato e 25 a tempo determinato. Si tratta, quindi, di un “rilevante aumento di personale che migliorerà il livello dei servizi consolari offerti”.
Entrambe le misure – l’apertura della Sede distaccata e l’assunzione di nuovo personale – sono state realizzate grazie alle risorse aggiuntive contenute nel cosiddetto Decreto Brexit, varato dal Governo e sostenuto dalla Farnesina per garantire il più possibile i cittadini italiani nel caso di una uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea anche senza un accordo.
Il potenziamento dei servizi della Sede – ricordano da Londra – si è reso necessario dato l’esponenziale aumento della collettività italiana nella circoscrizione del Consolato Generale (Inghilterra e Galles) in combinato disposto con il delicato periodo caratterizzato dalla Brexit. Negli ultimi tre anni la Sede ha registrato una crescita dei connazionali iscritti negli schedari AIRE pari al 23% (280 mila nel 2016, 345 mila al 31.07.2019), il che rende la circoscrizione di Londra una delle prime città italiane per numero di abitanti. Tuttavia tale cifra non corrisponde al numero di connazionali effettivamente residenti nella circoscrizione: alcune stime fanno ritenere che gli italiani residenti siano intorno alle 700mila persone (tale cifra diventa ancor più rilevante se si pensa che anche i non iscritti AIRE hanno diritto ad usufruire di un certo numero di servizi consolari).
“Siamo la Sede con il più alto numero di connazionali di tutta la rete diplomatico-consolare e la prima per documenti emessi – ha dichiarato il Console Generale Marco Villani – ciò ci consegna una grossa responsabilità in un momento di incertezza per i cittadini europei del Regno Unito; grazie alle maggiori risorse assegnateci, sono certo che nei prossimi mesi potremo riequilibrare la domanda e l’offerta di servizi venendo incontro alle esigenze dei connazionali”.
Le risorse aggiuntive – spiegano dal Consolato generale – saranno redistribuite in tutti gli Uffici del Consolato con l’obiettivo di accrescere il numero di pratiche lavorate e azzerare gli arretrati accumulatesi nei mesi precedenti a causa della crescita esponenziale delle richieste da parte della collettività.
Gli sforzi messi in atto nei mesi passati dal Consolato Generale sono stati ingenti, come dimostra l’aumento del 40% dei documenti d’identità consegnati rispetto al primo semestre 2018. Nel mese di giugno, con l’avvicinarsi delle ferie estive, l’Ufficio passaporti ha consegnato la cifra record di 3214 passaporti (160 al giorno). Discorso analogo vale per le iscrizioni AIRE, settore nel quale le pratiche lavorate rispetto al primo semestre 2018 sono aumentate del 35%. In questo ambito, una rilevante semplificazione delle procedure, avviata pochi mesi fa dal Ministero degli Affari Esteri per tutta la rete, è stata la decorrenza immediata dell’iscrizione all’AIRE attraverso il portale Fast it.
Tale novità produrrà d’ora in avanti effetti positivi in termini di celerità procedurale e certezza del diritto.
A queste misure si affianca anche l’attività di razionalizzazione degli Uffici onorari diffusi nel territorio britannico così da avvicinare i servizi consolari al cittadino.
Da Londra, infatti, anticipano che sono in corso di nomina nuovi funzionari onorari che potranno, oltre a fornire assistenza e servizi, ulteriormente facilitare le procedure di rinnovo dei passaporti, grazie al funzionamento delle rilevazioni biometriche attraverso postazioni mobili in dotazione ad alcuni Consolati onorari. La dimostrazione dell’ottimo funzionamento di tale sistema – sottolinea il Consolato generale – “è rappresentato dal fatto che oltre il 30% delle impronte captate dalla rete consolare onoraria italiana nel mondo (circa 10 mila), provengono da Inghilterra e Galles ed in particolare dagli uffici onorari di Birmingham, Liverpool, Cardiff e Bedford. È questa un’ulteriore innovazione promossa dalla Farnesina nell’ambito dei processi di digitalizzazione dei servizi consolari”.

Notizie dal Consolato d’Italia di Brisbane

Appuntamenti raddoppiati per cittadinanza ed aumentano anche quelli per passaporti e visti al Consolato d’Italia a Brisbane. Il Console Salvatore Napolitano precisa che l’ampliamento degli appuntamenti disponibili è in linea di continuità con le misure già introdotte e previste dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per il miglioramento ed il miglior accesso ai servizi consolari, rimarcando la continua attenzione delle istituzioni italiane nei confronti delle istanze della collettività residente.
“Nel mese di maggio abbiamo inaugurato i nuovi uffici della Sede con spazi più ampi, decorosi e sicuri per i nostri utenti ed abbiamo appena concluso una missione consolare ad Ingham nel Nord del Queensland in occasione dell’Australian-Italian Festival” ha ricordato Napolitano, Console d’Italia per gli Stati australiani del Queensland e del Territorio del Nord, una circoscrizione che ha un’estensione maggiore di circa dieci volte quella dell’Italia.
Gli utenti potranno prenotare i nuovi appuntamenti per cittadinanza, passaporti e visti attraverso il sistema “prenotaonline” già a partire dalle ore 9 di domani, venerdì 9 agosto, orario di Brisbane.

La commemorazione a Marcinelle della tragedia mineraria del Bois du Cazier

Oggi, giovedì 8 agosto, alla 63^ cerimonia di commemorazione della tragedia mineraria di Marcinelle parteciperà la Vice Ministra degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Del Re. La cerimonia si svolgerà da consuetudine presso il sito Unesco di Bois du Cazier a partire dalle ore 8.00. Oltre che dalla Vice-Ministra Del Re, la delegazione italiana sarà composta dall’Ambasciatrice d’Italia in Belgio, Elena Basile, e dal Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie, Luigi Maria Vignali. Presenzieranno anche le autorità locali come la Ministra federale belga per l’Energia e l’Ambiente, Marie-Christine Marghem, e il Ministro-Presidente della Regione Vallone, Willy Borsus. E’ prevista la presenza di numerosi esponenti della collettività italiana e locale e delle associazioni dei minatori.

Dopo la benedizione della Campana ‘’Maria Mater Orphanorum’’, la lettura di nomi delle 262 vittime e gli omaggi pluriconfessionali, saranno pronunciati i discorsi istituzionali del Ministro-Presidente della Vallonia Willy Borsus, della Ministra federale per l’Energia e l’Ambiente, Marie-Christine Marghem, e della Vice-Ministra Emanuela Del Re, oltre che di altri esponenti politici belgi. La cerimonia si concluderà presso il sito di Bois du Cazier, con il ricevimento del Console Generale d’Italia, David Michelut, alle ore 12: qui verrà data lettura, da parte dell’Ambasciatrice Basile, del messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’occasione. La Vice-Ministra Del Re, nell’ambito del suo saluto, leggerà il messaggio del Ministro degli Affari Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Il Console Generale Michelut consegnerà infine l’onorificenza della Stella al Merito del Lavoro a Michele Russo, Vice-Presidente uscente della Fondazione “Bois du Cazier”.

1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Powered by
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress