Due fradei storia giunta all’Abm grazie a Umberto Lisot e Ester Casagrande

da | 24 Gen 2020 | 0 commenti

l`éra un giorno belissìmo del mese de maio, quando nel orlo del porto de genôva, ntea distante itália, due fradei de sangue veneto nele vene, i ga visto par la prima volta la grandessa del mar. umberto e amedeo lisot zera el so nome, due bei tosati, co òcii de color blu, cavei negri e ànima pura. nte che`l’giorno, la belessa del mar ghe tirea adosso na mùcia de amirassion, anca insieme sufiea n`arieta fresca co la densità che acaressea so pel, acompagnàta del mormòlio sonolento dele onde. l`éra un momento màgico, co`l sol a tramonto nel orisonte e drio portar nel cuor la sensassion che`l mondo zera anca gradèvole e belo. transcorea el remoto ano de 1882 e una stimana vanti i gaveva partisto insieme dei genitori de so paeselo de nassità, ai piè dele “dolomite” ntea montagneria dei alpi, provìnsia de belluno, nel paese Veneto, andove ga í fiori più bei del mondo. dopo de na stimana nel porto, el signore giosuè, so pupà ga dito: «ndemo tossi, l`é ora d`imbarcar nel bastimento, par andare via a lontan a cercare un altro mondo. alora nel momento dela partensa, co destin a la mèrica, nel s-ciantin che i fassoleti bianchi sgorleva al vent nte un saludo de adio definitivo, i ga sentisto che`i ghe cavea de rento del cuor la patria itália. Vinti sinque giorni de viaio, vinti sinque note de paura, infrontando el grando oceano par rivar a so destin, un stragrando paese, che`i signori d`itália disea che gaveva de tuto par tuti: dolci ornati co`l sùchero briliante, late e gasose par i bambini, vin bonìssimo, pan e salame par í più vècii, la cucagna par tutiquanti. Quando i ga riva ntel novo paese, località de “capão dos bugres”, che adesso ze la cità de cassias del sud, nela provìnsia de san piero, i genitori i ga visto che`i se gaveva assà imbroiar par la ilusion de brute busie, parvia che nó i ga mea trova dolci ornati col sùchero briliante, late e gasose par i bambini e gnanca vin boníssimo, pan e salam, i ga trova solamente la natura e le bèstie de ferossità, alora ntei primi tempi i gaveva el sentimento de ritornar casa al paese Veneto, però questo zera impossìbile. cossì ga transcoresto la infansa e gioventu dei due fredeleti, infrontando la inclemensa dela natura e le bèstie de ferossità, tutavia sempre laorando del s-ciarir al s-curir del di, co`l pensiero che`l sentido dela so vita zera la fameia, el laoro e la credensa in dio, insieme de un sentimento de rispeto al paese che gaveva acoiesto so gente rento del cuor , cossì in pochi ani i gaveva de tuto.

Meteo Dolomiti

link esterno al Centro Valanghe di Arabba: immagine che illustra le previsioni meteorologiche per la giornata di domani.

A cura del Servizio Meteorologico Regionale
Centro Valanghe di Arabba

Iscriviti alla Newsletter

Ricette Dolomitiche

Ricette Dolomitiche
Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress