Il Coro Monte Dolada visita le comunità bellunesi e venete in Svizzera

I canti del Coro “Monte Dolada” sono attesi in Svizzera e, per essere precisi come gli svizzeri, a Zurigo e a Lucerna. Dopo due anni di pausa forzata dovuta dalla pandemia riprendono i viaggi dello storico coro dell’Alpago. Viaggi, come da tradizione, anche internazionali e con l’obiettivo di andare a trovare le comunità di bellunesi e veneti – testimoni dell’identità veneta – sparse in tutto il mondo.

A tal proposito sabato 5 e domenica 6 novembre il Coro “Monte Dolada” sarà accolto dalle Famiglie Bellunesi di Zurigo e di Lucerna e tutto questo grazie alla collaborazione dei rispettivi presidenti, Luca Urpi e Luca Deon.

Sabato 5 novembre, alle ore 18.00, il coro si esibirà nella sala Teatro del Liceo Artistico di Zurigo, mentre domenica 6 ci sarà un doppio appuntamento a Lucerna. A Emmenbrucke, al Centro Giovanni XXIII, il coro parteciperà al commemorazione dei caduti in Guerra e verrà inoltre firmato un patto di amicizia con il Coro “Giovanni XXIII”. Un coro fondato dal compianto Bepi Deon, già presidente della Famiglia Bellunese di Lucerna – recentemente scomparso – che, oltre a cantare ne è stato Presidente per oltre vent’anni.

In rappresentanza dell’Associazione Bellunesi nel Mondo sarà presente il consigliere Antonio Dazzi: «Sarà un onore rappresentare la nostra Associazione in queste due giornate. La musica corale è sempre molto richiesta dalle nostre comunità di bellunesi all’estero e a tal proposito ringrazio il Coro Monte Dolada per avere subito aderito a questa specifica richiesta».

L’emigrazione nel cuore di Cesiomaggiore. Conclusa l’edizione 2022 della “Giornata per ricordare”

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Il comune di Cesiomaggiore, per due giorni consecutivi, è stato protagonista della storia dell’emigrazione. Sì, perché la Famiglia Ex emigranti “Monte Pizzocco” ha organizzato proprio in questo Comune della Pedemontana i due eventi della “Giornata per ricordare”.

Il primo si è svolto nella sala conferenze del Museo etnografico di Seravella, sabato 22 ottobre, e ha visto la partecipazione del direttore dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, Marco Crepaz, che ha illustrato e commentato i dati Aire – Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero – riferiti alla provincia di Belluno e a Cesiomaggiore. Dati e numeri che sono stati intervallati dalle canzoni dei “Belumat” interpretate dal duo Manuela Braghi e Rudi Bortolas, oltre alla lettura – da parte delle lettrici Barbara Gallon, Silvana Vignaga e Rosa Lusa – di una serie di lettere di emigranti cesiolini.

Una serata presentata dalla vice sindaco Martina Stach e che ha visto il saluto del presidente della Famiglia Ex emigranti “Monte Pizzocco”, Marco Perot.


Di grande interesse anche il video messaggio di Paolo Rizzardini, cesiolino doc, residente con la famiglia negli Emirati Arabi Uniti: «Faccio parte di quella mobilità giovanile che possiamo definire Emigrazione 2.0». Una serata in cui si è viaggiato con la storia dell’emigrazione dalla fine dell’Ottocento fino ai giorni nostri. «Perché purtroppo l’emigrazione passa in silenzio – le parole di Perot – e noi invece dobbiamo parlarne ad alta voce».

E se ne è parlato anche il giorno successivo, domenica 23 ottobre, con la Santa Messa nella chiesa parrocchiale – celebrata da don Luigi Calvi – e la deposizione di una corona d’alloro al monumento degli emigranti. Presenti il primo cittadino di Cesiomaggiore, con i sindaci di San Gregorio nelle Alpi e Sedico, i vice presidenti Abm Patrizia Burigo e Rino Budel e le Famiglie ex emigranti del Feltrino e della Sinistra Piave, oltre alla “Bandiera dell’Oltrardo”.

Sempre Marco Perot ha voluto ringraziare tutte le autorità che hanno voluto presenziare alla giornate: «Grazie all’Amministrazione comune di Cesiomaggiore per la preziosa collaborazione e grazie a tutti voi per la presenza. Con queste due giornate abbiamo voluto ricordare la storia della nostra emigrazione. I sacrifici fatti dai nostri emigranti e anche chi è morto in terra lontana. La Famiglia “Monte Pizzocco” li ricorderà sempre. Ci vediamo il prossimo anno».

31° anniversario della Famiglia Emigranti ed ex emigranti dell’Agordino. Una giornata di festa con il rinnovo delle cariche sociali

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Il ricordo di chi è emigrato. Il ricordo di chi è rientrato. Il ricordo di chi è venuto a mancare in terre lontane. Domenica 23 ottobre a Cencenighe agordino è stato celebrato il 31° anniversario della Famiglia emigranti ed ex emigranti dell’Agordino. Una ricorrenza posticipata a causa della pandemia da Covid 19, ma fortemente voluta dalla presidente Lucia De Toffol, che ha guidato questo sodalizio dell’Associazione Bellunesi nel Mondo per un ventennio.

Come da rito la giornata si è aperta con la Santa Messa celebrata da don Lugi Canal. «Oggi nella giornata mondiale dei missionari ricordiamo anche i nostri emigranti e i loro sacrifici – le parole nell’omelia di don Luigi – e come non dimenticare le tragedie di Marcinelle e di Mattmark. Grazie alla Famiglia dell’Agordino per organizzare questi momenti di ricordo». E parole di ringraziamento sono giunte anche dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia che, tramite una lettera letta a conclusione della Messa, ha voluto ringraziare direttamente la presidente De Toffol per quanto fatto assieme alla Famiglia per onorare gli agordini, i bellunesi e i veneti, che in terra straniera hanno onorato il territorio regionale.

Una Santa Messa arricchita dal bel canto del Coro Fodom. E la giornata è continuata con la deposizione di una corona d’alloro davanti al monumento degli emigranti presente nella piazza “Giovan Battista Pellegrini”. Accompagnati dalla Banda Fodom si sono succediti i saluti istituzionali. In primis quello del sindaco di Cencenighe, Mauro Soppelsa che, in rappresentanza di tutti i sindaci dell’Agordino – attraverso l’Unione Montana Agordina -, ha portato una riflessione proprio sull’emigrazione agordina e di come sia necessario non dimenticare. Per l’Abm era presente il coordinatore delle Famiglie Ex emigranti Antonio Dazzi:

«Grazie alla presidente De Toffol per quanto fatto in questi vent’anni di presidente della Famiglia e grazie anche a tutti i tuoi soci e componenti del Direttivo. Vi auguro un buon lavoro e molteplici iniziative. Avrete sempre il supporto della Casa Madre». La stessa De Toffol ha ringraziato tutti per la numerosa partecipazione. E a proposito di Direttivo vi è stato anche il rinnovo delle cariche sociali. Nella sala del Nof Filò, prima del rinfresco offerto dalla Famiglia, si è votato e lo spoglio ha portato ad eleggere i componenti del nuovo Direttivo, che si riunirà nelle prossime settimane per nominare il presidente, il vice presidente, il tesoriere e il segretario: Luchetta Luca, Scola Daniele, Soppelsa Loris, De Prà Silvio, Ongaro Walter, Schena Antonella, Levrini Fortuna detta “Vally”, De Zaiacomo Danilo e Bressan Ivan.

Al 31° della Famiglia erano presenti anche le consorelle dell’Alpago e della Sinistra Piave, oltre ai rappresentanti delle Amministrazioni di Alleghe e Canale d’Agordo.

“Giornata per ricordare”. Doppio appuntamento a Cesiomaggiore per parlare di emigrazione

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

L’edizione 2022 della “Giornata per ricordare”, organizzata dalla Famiglia Ex emigranti “Monte Pizzocco con il patrocinio del Comune di Cesiomaggiore e il supporto dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, raddoppia.

Saranno infatti due le giornate dedicate alla storia dell’emigrazione ed entrambe si terranno nel comune di Cesiomaggiore.

Sabato 22 ottobre, alle 20.30, nella Sala conferenze del Museo etnografico di Seravella si svolgerà l’incontro, aperto a tutti, dal titolo “Emigrare dalla fine dell’Ottocento ai giorni nostri”: filmati, dati, testimonianze e musiche sull’emigrazione italiana e bellunese, in particolare nel Comune di Cesiomaggiore, con la testimonianza diretta del giovane Paolo Rizzardini.
Domenica 23 ottobre, alle ore 11.00, nella chiesa di Cesiomaggiore, Santa Messa per ricordare i caduti sul lavoro e in emigrazione e tutti gli ex emigranti non più presenti. A conclusione della cerimonia religiosa ritrovo davanti al Monumento dei caduti sul lavoro e in emigrazione, con la deposizione di un omaggio floreale e il saluto delle Autorità presenti. Seguirà un momento conviviale.

«Dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia da Covid-19 – le parole del presidente della Famiglia Ex emigranti “Monte Pizzocco” – finalmente torniamo con le nostre attività aperte a tutti. L’iniziativa “Giornata per ricordare” mi sta particolarmente a cuore perché si deve parlare di emigrazione, perché fa parte della nostra storia di ieri e di oggi».

Assemblea e 31° anniversario della Famiglia Ex emigranti dell’Agordino. Appuntamento a Cencenighe agordino domenica 23 ottobre

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Dopo oltre due anni di inattività dovuti alla pandemia da Covid-19 la Famiglia Ex emigranti dell’Agordino è pronta a celebrare il 31° anniversario della sua fondazione. L’appuntamento è fissato per domenica 23 ottobre 2022 a Cencenighe Agordino.

Questo il programma: ore 10.30 Santa Messa nella Chiesa parrocchiale accompagnata dal Coro di Pieve di Livinallongo; al termine si proseguirà in corteo preceduto dalla Banda Fodom verso il Monumento all’Emigrante (Piazzale Giovanni Battista Pellegrini) dove si terrà la deposizione della corona d’alloro in ricordo degli emigranti deceduti in Italia e nei vari Paesi del mondo; seguiranno gli interventi delle autorità presenti.

La giornata si concluderà con l’Assemblea per l’elezione del nuovo Direttivo della Famiglia e con un rinfresco sempre nella sala del Nof Filò, con l’esibizione della Banda Fodom.

A “Una voce delle Dolomiti” il sindaco di San Tomaso Agordino, Moreno De Val

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Il sindaco di San Tomaso Agordino, Moreno De Val

Ai microfoni di Radio ABM, all’interno della rubrica “Una voce delle Dolomiti”, il sindaco del Comune di San Tomaso Agordino, Moreno De Val. Il primo cittadino focalizzerà il suo intervento in due progetti che stanno portando grandi soddisfazioni e ottimi risultati alla sua Amministrazione: il percorso delle “Dolomiti in miniatura” e la “Vertik area Dolomiti”.

De Val vi aspetta oggi, giovedì 13 ottobre, alle ore 11.30 – 18.00 – 23.30 – 3.00 (ora locale italiana) su Radio ABM: www.bellunesinelmondo.it/radio-abm.

Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress