Campagna vaccinale. L’Ulss Dolomiti lancia un appello ai bellunesi all’estero: «Comunicateci se siete già stati vaccinati al di fuori dell’Italia»

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Appello dell’Ulss 1 Dolomiti ai bellunesi vaccinatisi contro il Covid all’estero. «Per poter meglio indirizzare la campagna di somministrazione a favore delle persone non ancora vaccinate – spiega l’azienda sanitaria bellunese – è fondamentale avere un quadro preciso della copertura della popolazione residente». Di conseguenza, diventa indispensabile sapere chi e quanti sono i soggetti che hanno già ricevuto il siero anti-Covid al di fuori del territorio nazionale.

A tal proposito, l’Ulss invita i bellunesi che si trovano all’estero e sono già vaccinati con uno dei quattro vaccini autorizzati in Italia (PfizerBioNtech, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson) «a inviare il proprio certificato vaccinale via mail all’indirizzo vaccinazioni.covid@aulss1.veneto.it». Il messaggio dovrà avere come oggetto: ESTERO, e riportare nome, cognome e contatto telefonico della persona interessata.

Una comunicazione che aiuterà a migliorare la mappatura delle coperture vaccinali, agevolando l’adesione di chi ancora non ha avuto accesso all’immunizzazione.

«I nostri servizi – ricorda inoltre la direttrice dell’Ulss Dolomiti, Maria Grazia Carraro – sono a disposizione dei bellunesi all’estero per informazioni sulla vaccinazione o sul green pass».

Nel primo caso, la mail da contattare è ancora vaccinazioni.covid@aulss1.veneto.it. Per quanto riguarda la certificazione verde, invece, l’indirizzo di riferimento è: greenpass@aulss1.veneto.it.

San Gregorio nelle Alpi non dimentica i suoi caduti in terra di emigrazione e a causa della silicosi. Presente anche l’Associazione Bellunesi nel Mondo

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Nomi, cognomi, età e un destino crudele comune: la morte a causa della silicosi o di un incidente sul lavoro. Sono 120 i cittadini di San Gregorio nelle Alpi che persero la vita tra il 1940 e il 1967. Un tributo notevole per un comune di 1700 abitanti. Un sacrificio che non deve essere dimenticato e che, grazie alla volontà del Circolo ACLI di San Gregorio adesso rimarrà nella memoria e visibile anche alle nuove generazioni. Sì, perché questa mattina al monumento ai caduti sul lavoro e in emigrazione di San Gregorio nelle Alpi è stata scoperta una targa che ricorda, nome per nome, tutti i caduti sul lavoro del Comune.

Presenti alla cerimonia, molto sentita dalla comunità, anche i labari dell’Associazione Bellunesi nel Mondo – con diverse Famiglie e la presenza del presidente De Bona e della vice Burigo – e quelli degli Alpini, oltre che dei circoli Acli.

«Siamo qui per ricordare il sacrificio dei nostri emigranti – le parole del presidente del circolo Acli locale Sandro Cassol – e perché non vada nell’oblio. Inoltre è doveroso il ricordo di Giulio Gazzi, che tanto ha fatto soprattutto per i minatori sangregoriesi, e non solo, e per la piaga della silicosi».

La targa è stata scoperta da due parenti dei caduti. Il fratello di Renato Pulz, morto a 18 anni nell’azienda in cui lavorava e la figlia di Pietro Gazzi, deceduto a 33 anni in Nigeria, quando la figlia era una bambina. 

Parole di plauso sono giunte dal sindaco Mirco Badole: «Grazie alle Acli, e in particolar modo a Sandro Cassol, per avere voluto ricordare i nostri concittadini periti per portare il benessere in cui viviamo oggi. È impressionante vedere il numero di persone che ha perso la vita».

Non è mancata la benedizione della corona d’alloro – posizionata di fronte alla targa dal gruppo Alpini “Gen. Nasci” – da parte del parroco don Anselmo Recchia. La cerimonia si è conclusa con l’intonazione di un canto dedicato proprio ai caduti sangregoriesi in terra di emigrazione.

Incontri con l’autore. Giancarlo Scopel

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Un viaggio avventuroso nel Grande Nord. Tra foreste, fiumi e montagne della British Columbia, seguendo sempre un motto che diventa il mantra di una vita intera: “Go West, young man”. È questo richiamo verso il West – emblema di un desiderio di scoperta mai sazio – a segnare gli oltre dieci anni di esperienza in Canada di Giancarlo Scopel. Feltrino, diplomato all’Istituto Tecnico “Rizzarda” nel 1959, Giancarlo parte inizialmente per la Svizzera. Un Paese troppo stretto per contenere tutto il suo entusiasmo e la sua curiosità. Ecco allora l’opportunità del grande salto oltreoceano. Imbarcatosi sul piroscafo Saturnia, dopo tredici giorni di viaggio approda ad Halifax, il famoso porto di arrivo degli emigranti in cerca di fortuna. E da lì si apre un mondo. «Fu subito il mio Paese», ricorda Giancarlo. Una realtà che lo accoglie, offrendogli un’immensità di occasioni e di spazi – fisici e simbolici – a cui Giancarlo corre incontro, con un’energia scaturita da un principio: «Andare sempre oltre la collina, dove sicuramente c’è ancora qualcosa di nuovo da scoprire, basta cercarlo». È questo principio a spingerlo un giorno, ormai stanco di Toronto, a decidere di salire sulla propria auto e a inoltrarsi «fino a dove terminava la strada». Un percorso attraverso le praterie di tutto il Paese, dall’Ontario al Pacifico, al confine con l’Alaska. «Lassù la strada terminava». Una storia messa nero su bianco nel libro autobiografico “La mia emigrazione (dal 1960 al 1971)”.

35. Ulss 1 Dolomiti e Abm. Insieme per potenziare il personale sanitario in provincia di Belluno

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Da sinistra Marco Crepaz, Maria Grazia Carraro e Oscar De Bona.
Da sinistra Marco Crepaz, Maria Grazia Carraro e Oscar De Bona.

L’Associazione Bellunesi nel Mondo in “soccorso” dell’Ulss 1 Dolomiti. Questa mattina il presidente Abm Oscar De Bona, con il direttore Marco Crepaz, ha incontrato la direttrice generale Maria Grazia Carraro per siglare una collaborazione, che ha l’obiettivo di potenziare il personale sanitario in provincia di Belluno.

È sotto gli occhi di tutti la situazione drammatica che sta vivendo la sanità nazionale e, nel nostro caso provinciale, a causa della carenza di medici, infermieri, tecnici e oss. Un problema che si sta protraendo da anni e che si è acuito a causa della pandemia da Covid-19.

«Come Abm abbiamo pensato di supportare l’Ulss 1 Dolomiti – le parole di De Bona – coinvolgendo le comunità di bellunesi, collegate alla nostra associazione, che risiedono al di fuori della provincia di Belluno (Italia o estero, ndr), che lavorano in ambito sanitario e che vorrebbero/potrebbero rientrare nel Bellunese».

L’Associazione Bellunesi nel Mondo può infatti mettere a disposizione molteplici strumenti mirati a questa ricerca professionale. Dal socialnetwork Bellunoradici.net – che attualmente conta oltre 1000 iscritti e che presto sarà potenziato grazie al Fondo Welfare Dolomiti – alle storiche Famiglie Bellunesi – un’ottantina presenti in tutto il mondo.

«Inoltre i nostri bellunesi all’estero – le parole di Crepaz – sono dei veri ambasciatori, che potrebbero quindi condividere le ricerche mirate dell’Ulss 1 Dolomiti anche ai propri amici e conoscenti presenti nel Paese estero in cui vivono, a prescindere dalla loro bellunesità».

«Ringrazio il presidente De Bona e il direttore Crepaz – le parole della Carraro – per questa interessante proposta di collaborazione. Vi è una disperata necessità di personale sanitario sia negli ospedali, che nelle Rsa».

Nei prossimi giorni si partirà a livello operativo, con una serie di incontri tra il personale Abm e quello dell’Ulss per realizzare un primo questionario mirato, che sarà inviato ai profili di interesse per questa importante – e necessaria – richiesta.

34. Oscar De Bona confermato presidente dell’Associazione Bellunesi nel Mondo per il prossimo triennio

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Il Direttivo Abm che guiderà l’associazione per il prossimo triennio

Oscar De Bona è stato confermato alla guida dell’Associazione Bellunesi nel Mondo. Giovedì 9 settembre si è riunito il neo eletto Direttivo Abm per eleggere il presidente, i due vice e i membri del Comitato esecutivo. I 21 consiglieri eletti all’Assemblea generale del 19 giugno, in cui si erano espressi i 4mila soci dell’Associazione, si sono dati appuntamento al primo consiglio Direttivo per il triennio 2021/2024. Anche alla vice presidenza vi è stata la conferma di Patrizia Burigo – con funzione di vicario – e di Rino Budel. Novità invece per il Comitato esecutivo. Oltre ad Angelo Paganin e Antonio Dazzi sono entrate Ernestina Dalla Corte Lucio e Jordana Marchioro Isoton.

«Ringrazio i consiglieri per la fiducia data – le parole del presidente De Bona – ci aspetta un triennio intenso, dove saranno molteplici le attività che affronteremo. In primis vogliamo cercare di contrastare lo spopolamento, che sta colpendo duramente la provincia di Belluno e lo faremo grazie alle comunità dei nostri bellunesi all’estero».

L’Associazione Bellunesi nel Mondo inoltre potenzierà il socialnetwork Bellunoradici.net – grazie al Fondo Welfare Dolomiti – e anche le attività culturali mirate alla diffusione della storia dell’emigrazione bellunese, soprattutto nelle nuove generazioni.

«Sono davvero felice che nell’Esecutivo siano entrare Ernestina e Jordana. Due giovani donne che credono nell’Abm e che sono protagoniste del nostro fenomeno migratorio». Ernestina vive a Buenos Aires, mentre Jordana è nata e cresciuta in Brasile, ma da diversi anni risiede a Belluno. Presenti alla riunione del Direttivo anche i consiglieri del Consiglio dei Probiviri, Lorenzo Chiarelli e Michele Giaier, che si sono occupati dello spoglio delle schede.

Il Comitato esecutivo. Da sinistra Rino Budel, Jordana Marchioro Isoton, Angelo Paganin, Patrizia Burigo e Antonio Dazzi. Seduto il presidente Oscar De Bona e sullo schermo Ernestina Dalla Corte Lucio collegata da Buenos Aires. A destra il direttore Marco Crepaz.

Questo il risultato delle votazioni (consiglieri votanti 19):

Presidente: Oscar De Bona (17 voti), Patrizia Burigo (1 voto), schede bianche (1).
Vice presidente vicario: Patrizia Burigo (15 voti), Giulia Francescon (1 voto), schede bianche (3).
Vice presidente: Rino Budel (14 voti), Ernestina Dalla Corte Lucio (1 voto), schede bianche (4).
Consiglieri esecutivo: Ernestina Dalla Corte Lucio (14 voti), Angelo Paganin (12 voti), Antonio Dazzi (9 voti), Jordana Marchioro Isoton (9 voti), Giulia Francescon (7), Luca Urpi (7 voti), Emilio Dalle Mule (2), Luisa Carniel (1 voto), Mila Burlon (1 voto), Irene Savaris (1 voto), Sergio Cugnach (1).

“Ridon de gusto”. Barzellette in dialetto bellunese

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Tratto dalla divertentissima pubblicazione “Se vedarón… diséa an orbo” di Rino Dal Farra, già emigrante in Svizzera.

***

Lu reclama:
“Co sto tènp qua te me manda a ciór al pan? No se mandarìa gnanca an can!”
Risponde ela, zenza conpassion:” Varda che mi no t’ho dit de ciór su anca ‘l can!”.

***

Papà, ti che te se comerciante, se falo comè a deventàr boni venditori?”.
“Eh, fiol… Se, par esenpio, gnen dentro un a conpràr an boton, e ti te ghe vende an vestito!”.

***

Sul tram.
“Sti doveni de incoi!”, se lamenta un sul tram. “No i ha pì rispeto par quei pì veci!”
Se meravéia ‘na femena: “Ma ‘l tosat al g’ha dat subito ‘l posto!”.
“D’acordo. Però me femena la é ancora in pié!”.

Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress