Belluno chiama Belluno. Maria Lourdes Vedana, Toronto (Canada)

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Maria Lourdes Vedana è la protagonista di questa puntata di “Belluno chiama Belluno”. Originaria di Sospirolo da dieci anni vive a Toronto (Canada). In questa intervista, oltre a raccontare la sua “avventura” che l’ha portata da Belluno in America, Maria ci racconterà come il Canada stia affrontando l’emergenza Coronavirus. Non mancheranno anche suggerimenti per chi vorrà andare in Canada per vacanza o per lavoro.

Guarda l’intervista dal nostro canale YouTube

“Belluno chiama Belluno”. Intervista a Maria Lourdes Vedana

Guarda l’intervista dalla nostra pagina ufficiale Facebook

Intervista a Ernestina Dalla Corte, Buenos Aires

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

In questa puntata di “Belluno chiama Belluno” abbiamo intervistato Ernestina Dalla Corte Lucio, presidente della Famiglia Bellunese dell’Argentina. Vive a Buenos Aires, ma le sue radici sono bellunesi. Ernestina racconterà proprio del suo legame con la provincia di Belluno, ma anche di come l’Argentina stia fronteggiando l’emergenza Coronavirus.

Guarda l’intervista dal nostro canale Youtube

Guarda l’intervista dalla nostra pagina Facebook

Fase 2. Il Museo interattivo delle Migrazioni riapre. A fare la prima visita una famiglia bellunese

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

La famiglia bellunese che per prima ha visitato il MiM Belluno in questa Fase 2

Sale sanificate 24 ore su 24. Indicazioni e stanziatori permanenti. Ingressi e uscite indipendenti. Il MiM Belluno, Museo interattivo delle migrazioni, si è attrezzato per la “Fase 2” e lunedì 18 maggio ha riaperto al pubblico. A fare la prima visita una famiglia bellunese, che ha scelto il percorso completo di un’ora. Un viaggio che ha portato i tre visitatori a riscoprire il fenomeno migratorio che ha interessato, e continua a interessare, l’intera provincia di Belluno.
«Il nostro Museo», sono le parole del presidente Abm Oscar De Bona, «dopo tre mesi di pausa, seppur in modo limitato, ha riaperto al pubblico. I danni economici, per il mancato introito della vendita dei biglietti, sono ingenti, ma da parte nostra vogliamo andare avanti fiduciosi che ci sarà di certo un sostegno economico da parte della Regione Veneto e del Governo per il settore museale italiano».
In questa “Fase 2” Il MiM Belluno è aperto da lunedì a venerdì, escluso il mercoledì pomeriggio, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00. Per maggiori informazioni e prenotazioni telefonare al numero 0437 941160 o inviare una mail a info@mimbelluno.it.

Brasile. È morto Darcy Loss Luzzato. De Bona: «Con la sua scomparsa la cultura veneta è più povera»

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Grave lutto per la cultura veneta e bellunese. All’età di 85 anni è morto Darcy Loss Luzzato, scrittore sudamericano in Talian (la lingua dei veneti emigrati a fine Ottocento negli Stati del Sud del Brasile, ndr). Considerato il più grande scrittore in Talian, la produzione di Luzzato conta decine di opere dei più vari argomenti, tra cui alcuni dizionari, testi storici e di memorie.
«Ho avuto il piacere e l’onore di conoscerlo trent’anni fa», le parole di un commosso Oscar De Bona, presidente Abm, «e in quest’arco di tempo sono state numerose le volte in cui ci siamo incontrati. Ad ogni incontro ricevevo sempre un libro da lui scritto. Con la sua scomparsa la cultura veneta è più povera».

Nella foto, seduto, Darcy Loss Luzzato con Paulo Jose Massolini presidente della Fibra

Darcy Loss Luzzatto (nella foto, seduto, con Paulo Jose Massolini presidente della Fibra) era nato il 27 ottobre 1934 a Pinto Bandeira, nel Rio Grande do Sul (Brasile). A dodici anni andò a studiare a Bento Gonçalves e, successivamente, a Farroupilha. Diventato maggiorenne si trasferì a Porto Alegre dove si laureò in Matematica e Fisica. Ha lavorato come insegnante per molti anni, scrivendo trattati di fisica. Con queste pubblicazioni è entrato nel mondo della letteratura diventando autore di libri scolastici per licei e università. È stato direttore dell’Università Federale del Rio Grande do Sul, dirigendo anche la Camera del libro Rio-Grandense e facendo parte del consiglio della Camera del libro brasiliano.

La passione per lo scrivere gli è stata trasmessa dal nonno, Cristoforo Luzzatto. Il vecio Toffolo era una persona colta; parlava Belumat (il dialetto bellunese), italiano, francese e latino.
La famiglia di Darcy, originaria di Mel (Belluno), arrivò in Serra Gaucha nel 1890. Il primo posto dove si fermarono fu Caravaggio, dove a quel tempo c’era il santuario della Madonna di Caravaggio, che in Italia si trova nelle vicinanze di Bergamo. Il nonno iniziò a lavorare insegnando, ma in italiano.
Darcy divenne noto in tutto il mondo come il professor Luzzatto, l’uomo taliano. Nessuno come lui aveva infatti una completa familiarità con le parole e le espressioni di tutti i discendenti dell’emigrazione italiana e della sua cultura.
«Ha usato questa conoscenza» conclude De Bona «per scrivere dizionari e grammatiche. Tra le altre dozzine di libri per insegnare Talian, ci sono anche l’Almanacco Veneto e Lampi di Memoria, dove racconta i suoi ricordi; vera eredità per tutti noi bellunesi e veneti».
Da non dimenticare la sua battaglia per il riconoscimento del Talian come lingua minoritaria in Brasile.
L’Associazione Bellunesi nel Mondo non mancherà di ricordarlo in un prossimo evento da concordare con le Famiglie Bellunesi del Brasile.

Dona il 5×1000 all’Associazione Bellunesi nel Mondo

Spesso non ce ne rendiamo conto, ma sono le piccole cose a fare la differenza. I granelli di sabbia che formano una spiaggia. Le gocce d’acqua di cui sono composti gli oceani. I chicchi di grano che, moltiplicati sulle caselle di una banale scacchiera, diventano diciotto miliardi di miliardi di chicchi: la produzione mondiale di grano di ben tremila anni! D’altra parte, provate a dire a un centometrista che un centesimo di secondo non conta a nulla, a un chimico che un grammo non sposta le cose, a Neil Armstrong che un passo è solo un passo.

I gesti che a volte appaiono insignificanti si rivelano spesso e volentieri quelli decisivi. E una firma? Anche una semplice firma può diventare fondamentale. Ad esempio quella per il 5×1000. Sembrerà una cosa da niente e invece…

Cosa possiamo fare grazie al tuo 5×1000

Portare ogni mese nel mondo notizie e aggiornamenti sul Bellunese. Come? Con la rivista “Bellunesi nel mondo”.

Intrattenere, informare e far sentire la nostra voce, la voce delle Dolomiti. Come? Con la web radio Radio ABM.

Conservare, diffondere e valorizzare la storia dell’emigrazione. Come? Con la Biblioteca delle migrazioni “Dino Buzzati”.

Far conoscere alle nuove generazioni i valori, i successi e i sacrifici che hanno contraddistinto l’epopea dei bellunesi nel mondo. Come? Con il Museo interattivo delle Migrazioni.

Raccontare storie di ieri e di oggi, descrivere vite e tratteggiare mondi vecchi e nuovi. Come? Con i libri della casa editrice Bellunesi nel mondo – edizioni.

Dar risalto a una parte del nostro passato troppo spesso dimenticata. Come? Con il Centro Studi sulle migrazioni “Aletheia”.

Connettere tra loro e con la terra di origine i giovani bellunesi all’estero, i protagonisti della nuova mobilità. Come? Con il socialnewtwork Bellunoradici.net.

Portare avanti giorno dopo giorno una missione scolpita nel motto Vicini e lontani, mai soli!

Vuoi aiutarci? È molto semplice:

  • Compila i modelli CU, 730 o Modello Unico;
  • nella scheda “Scelta per la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF” cerca il riquadro “Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni”;
  • metti la tua firma e inserisci nello spazio “Codice Fiscale del beneficiario” il codice fiscale ABM 00213580251.

Ogni firma è quel granello di sabbia sulla spiaggia, quella goccia d’acqua nel grande oceano, quel chicco di grano sulla scacchiera, quel centesimo di secondo verso l’oro, quel grammo per l’essenza perfetta, quel passo che cambia la storia. È forma e sostanza per il nostro futuro.
Davvero ci basta un gesto, il tuo.

Belluno chiama Belluno: Yuri Hentz Piccoli

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Abbiamo intervistato Yuri Hentz Piccoli, presidente della Famiglia Bellunese di Iomerè. Un sodalizio che si è costituito nel 2019 e che nello stesso anno ha ricevuto il gonfalone direttamente dalle mani del presidente dell’Associazione Bellunesi nel Mondo Oscar De Bona. In questa intervista Yuri racconterà del suo legame con la provincia di Belluno; farà un accenno anche in merito alla difficile situazione che sta vivendo il suo Paese, il Brasile, a causa dell’emergenza Coronavirus; si soffermerà sull’importanza di fare rete e sul necessario potenziamento del turismo sia dal Brasile a Belluno, che viceversa.

Buona visione!

Guarda l’intervista anche dalla pagina facebook di Radio ABM.

Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress