ROMA – E’  stato  prorogato al 15 marzo, alle ore 12, il termine per l’invio ai Comuni dell’opzione di voto da parte dei connazionali temporaneamente all’estero che intendano esercitare il diritto di voto all’estero per il referendum popolare abrogativo del prossimo 17 aprile. Il referendum riguarda l’abrogazione della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa abbiano la “durata della vita utile del giacimento” .

Per l’invio della dichiarazione da parte dei cittadini residenti stabilmente all’estero che intendono esercitare il diritto di voto in Italia il termine si è chiuso il 26 febbraio.

   Fonte Inform

Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Powered by
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress