“Belluno città delle rondini”: avviata l’installazione dei tappetini anti-guano

da | 23 Lug 2020 | 0 commenti

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Un momento dell'installazione dei tappeti anti guano

Provincia e Comune di Belluno hanno cominciato questo pomeriggio il posizionamento dei tappetini sotto i nidi di rondine presenti in centro storico. L’iniziativa rientra nel progetto “Belluno città delle rondini”, a tutela dei volatili e a promozione della città. 

Il tappeto anti guano

«L’obiettivo dei tappetini, realizzati in economia dagli uffici comunali, è duplice – spiega l’assessore all’ambiente del Comune capoluogo -. Da un lato servono a indicare la presenza di un nido abitato; dall’altro facilitano le operazioni di pulizia dove cade il guano». Infatti, i tappetini sono lavabili: si tratta di spicchi adesivi con stilizzato il disegno di una coda di rondine. Il messaggio è riportato in due scritte: “Guarda in su! Noi abitiamo qui” riferito proprio alla presenza di un nido; e “Belluno protegge le sue rondini”. In fondo, i loghi di Comune, Provincia e Confcommercio (partner del progetto). 

Nel pomeriggio, durante il giro di sopralluogo, Comune e Provincia, con il supporto della Riserva Alpina di caccia di Belluno, hanno installato una ventina di questi tappetini sotto i portici di Piazza delle Erbe, Piazza dei Martiri, via Roma, via Matteotti e via Tasso. Tra i complimenti degli esercenti. 

L’iniziativa è stata apprezzata: durante le operazioni di installazione, l’assessore bellunese e il consigliere provinciale delegato alla gestione faunistica hanno raccolto il gradimento di diversi negozianti. In particolare, un bar del centro ha visto aumentare la clientela dopo il posizionamento di un’ombrello anti-guano, qualche settimana fa. «Questo ci spinge a proseguire nel progetto – commenta il consigliere provinciale delegato -. Non solo con il posizionamento di altri tappetini. Sicuramente il prossimo anno prepareremo nuovi ombrelli anti-guano, visto anche l’apprezzamento registrato, con la curiosità di visitatori e turisti. Vogliamo tutelare le rondini, che rappresentano un indicatore formidabile della qualità ambientale, e valorizzarne la presenza in un centro urbano, fatto sempre più insolito».

Un momento dell'installazione dei tappeti anti guano

I DATI

Un fatto che, invece, a Belluno continua da anni e si mostra in controtendenza rispetto a una diminuzione acclarata delle popolazioni di rondini. I censimenti effettuati negli ultimi mesi dall’esperto faunista Giuseppe Tormen, per conto della Provincia, hanno rilevato un aumento in centro città. I nidi rilevati sono 146 (contro i 135 dello scorso anno). Di questi, 38 sono occupati (35 da rondini e 3 da rondini montane), contro i 20 del 2019. In particolare, il secondo censimento (26 giugno) ha rilevato che almeno 5 coppie avevano effettuato una seconda nidiata, per un totale di 40 riproduzioni.

«Il monitoraggio è iniziato nel 2016 e dopo un calo iniziale negli anni scorsi, si è visto un recupero importante quest’anno – conclude il consigliere provinciale -. Un’inversione di tendenza che ci fa un enorme piacere. Il progetto “Belluno città delle rondini” ha anche lo scopo di sensibilizzare la popolazione locale e i turisti sull’importanza di questo volatile, che ricopre un ruolo ecologico preziosissimo».

Agenda ABM

Meteo Dolomiti

link esterno al Centro Valanghe di Arabba: immagine che illustra le previsioni meteorologiche per la giornata di domani.

A cura del Servizio Meteorologico Regionale
Centro Valanghe di Arabba

Iscriviti alla Newsletter

Ricette Dolomitiche

Ricette Dolomitiche
Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress