FALCADE

stemma del comune di Falcade

  • Municipio: 1, corso Roma
  • C.A.P.: 32020
  • Prefisso: 0437
  • Tel: +39 (0)437 509 210
  • Fax: +39 (0)437 509 900
  • Abitanti: 2175
  • Superficie: 53.14 km²
  • Altitudine massima: 3054 m slm
  • Altitudine minima: 1019 m slm
  • Web: http://www.comune.falcade.bl.it/
  • E-mail: falcade@agordino.bl.it
  • Associato alla: Unione Montana Agordina
  • Area: U.M. Agordina

L’ambito geografico

È il centro più importante della Valle del Biois. Sorge in un contesto di incomparabile bellezza animato da boschi, prati e splendide cime montuose che hanno fatto di Falcade una rinomata stazione di turismo estivo ed invernale. Divisa tra due conche, quella di Caviola, e quella di Falcade vero e proprio, la parte terminale della Val Biois regala a chiunque scenari di rara suggestione. Superato Caviola, importante luogo di villeggiatura, a 1145 m si trova l’agglomerato principale che fa da capoluogo comunale; poco sopra sulla strada verso il passo Valles e il passo S. Pellegrino c’è la frazione di Falcade Alto.
Tutt’intorno nel territorio altre frazioni: Le Fratte, Ganz, Somor, Molino, Villotta, Valt, Sappade, Tabiadon di Val, Marmolada. E poi borgate come Le Coste, Canes, Caverson, Zingari bassi, Valfreda, Cayada e Ronch.

Le chiese

La parrocchia di Falcade fu fondata nel 1866 mentre in precedenza, dal 1774, era curazia. La nuova chiesa parrocchiale fu consacrata nel 1947!
Da vedere la chiesa di Falcade Alto (XV secolo), dedicata ai Santi Fabiano e Sebastiano, che annovera alcune rilevanti opere d’arte tra cui un crocifisso ligneo dello scultore locale Giovanni Marchiori e una pala dell’altar maggiore attribuita al pittore fassano Valentino Rovisi. A Villotta c’è quella dedicata alla Madonna di Pompei e ai Ganz quella di S. Romedio. La chiesa parrocchiale di Caviola fu consacrata nel 1966.
Da segnalare l’antica chiesa della Madonna della Salute costruita all’inizio del ‘700, quella di S. Croce a Sappade, di Maria Ausiliatrice a Valt, del Redentore a Feder, della Madonna Addolorata a Fregona. A Pore c’è una chiesetta carica di storia anche se sconosciuta ai più.

Le opere dello scultore Augusto Murer

Ma un gioiello da visitare è lo studio-museo privato dello scultore Augusto Murer in località Forno Piana di Molino. Inaugurato nel 1986, dopo la sua morte, raccoglie all’interno e all’esterno molte opere significative dell’artista falcadino scomparso.
Altre opere di Augusto Murer sono presenti nel territorio a cominciare dal monumento in piazza Sandro Pertini a Caviola dedicato alle vittime dell’eccidio nazista dell’agosto 1944.

Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress