Crisi in Venezuela. La testimonianza diretta di Maurys Sanabria

da | 20 Mar 2019 | 0 commenti

Maurys Sanabria (nella foto) nasce in Venezuela, ma si trasferisce a Belluno pochi mesi fa. La vita nel suo paese d’origine è sempre più impossibile e qui ce lo racconta.

È iniziato tutto con Hugo Chávez. La sua era una dittatura mascherata da democrazia. Già nel 2011 aveva scelto Maduro come suo successore e ai venezuelani aveva detto che avrebbero dovuto votare lui nel caso in cui la sua salute si fosse aggravata e fosse stata necessaria una nuova elezione presidenziale. In realtà, successivamente, il popolo ha eletto Juan Gaudió. I giudici, però, hanno fatto la propria assemblea, non hanno rispettato le decisioni del popolo e Maduro è rimasto presidente. Il governo odierno continua ad essere una dittatura mascherata da democrazia perché si sono appropriati di tutti i poteri e hanno eletto chi volevano loro, anche se Gaudió, secondo la costituzione, è il legittimo presidente.  Il popolo muore di fame perché non riesce a vivere con ciò che guadagna (lo stipendio mensile adesso equivale a circa 20 euro). Negli ospedali non ci sono medicine e quindi la gente malata muore. Se prima i ricchi riuscivano a vivere bene rispetto ai poveri, ora questa differenza non esiste più: perfino tanti benestanti stanno lasciando il Venezuela. I pochi che restano (alcuni amici miei che più o meno vivevano bene) ora mi dicono che non riescono più a farcela.

Per fortuna, mia figlia già si era trasferita da tre anni in Italia. In Venezuela, vivevo grazie ai soldi che lei mi mandava. Io avevo i miei programmi alla radio, ma i soldi che guadagnavo in questo modo non erano mai sufficienti. Una volta mi sono ammalata: è difficile trovare le medicine e se riesci a prenderle sono molto care. Grazie ai soldi di mia figlia mi sono comprata le medicine (erano carissime) e me le sono portate in clinica (non sono andata in ospedale perché lì si muore). Dopo circa 15 giorni, mio genero è dovuto venire in Venezuela per affari e mi ha portato altre medicine dall’Italia. Poi ho deciso anche io di fuggire.

La situazione sta peggiorando, non ci è rimasto più nulla e per questo scendiamo in piazza. Il governo di Maduro, però, non permette le proteste e manda i suoi uomini a sparare contro la gente. Fortunatamente, abbiamo l’appoggio di più di 50 paesi e sono arrivati gli aiuti umanitari anche se, purtroppo, alcuni sono stati bloccati. Come si può essere così crudeli?

Per quanto riguarda il futuro del Venezuela, è un po’ più chiaro grazie a questi aiuti e se ci fosse bisogno di un’invasione militare per cacciare Maduro, gli Usa lo faranno. Se ci fosse la possibilità di altre elezioni, la situazione potrebbe normalizzarsi. Siamo sempre speranzosi…

Giulia Francescon

Meteo Dolomiti

link esterno al Centro Valanghe di Arabba: immagine che illustra le previsioni meteorologiche per la giornata di domani.

A cura del Servizio Meteorologico Regionale
Centro Valanghe di Arabba

Ricette Dolomitiche

Ricette Dolomitiche
Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress