La poesia in dialetto bellunese “Al parlar de na olta”

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Na olta che se era tuti an cin pì poarét,
enca al parlar l’era pì s-cet,
no ocorea tanti parolon
par far intende le nostre rason.

Adès che la dente à studià
a l’é gnest tut pì complicà.

Bisogna fermarse a pensar
prima de parlar,
parché chi che no se intende
no i capis e i se pol ofender.

Ma noi che avon inparà
a parlar solo ‘l patuà,
no podón dir tut quel che olón
parché fon solo confusion.

E alora butón là
tre parole de ‘n talian sbrodegà.

Al par che avóne paura
de svelar la nostra coltura,
la sarà anca poaréta
ma la é sempre la pì s-ceta.

Maria Tramontin

“Ridon de gusto”. Barzellette in dialetto bellunese

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Tratto dalla divertentissima pubblicazione “Se vedarón… diséa an orbo” di Rino Dal Farra, già emigrante in Svizzera.

***

Lu reclama:
“Co sto tènp qua te me manda a ciór al pan? No se mandarìa gnanca an can!”
Risponde ela, zenza conpassion:” Varda che mi no t’ho dit de ciór su anca ‘l can!”.

***

Papà, ti che te se comerciante, se falo comè a deventàr boni venditori?”.
“Eh, fiol… Se, par esenpio, gnen dentro un a conpràr an boton, e ti te ghe vende an vestito!”.

***

Sul tram.
“Sti doveni de incoi!”, se lamenta un sul tram. “No i ha pì rispeto par quei pì veci!”
Se meravéia ‘na femena: “Ma ‘l tosat al g’ha dat subito ‘l posto!”.
“D’acordo. Però me femena la é ancora in pié!”.

La malatia de l’An

Cara Gente,
scrive ste righe par descriver quel senso de vodo
che in tut al dì nol pasa in nessun modo!

Dan dì a quel’altro no se sent parlare de altro,
tante notizie brute, tut al mondo con problemi de salute!

An virus che pol reoltarne tuti, bei e bruti,
siori e poaret, ma che nesun al vet!

Che porcaria, na vera e propria pandemia!

Na gran confusion su tante restrizion!

I ne dis che val la pena che stone in quarantena,
che questa l’è na guera da sta coi piè par tera,
tuti entro casa senza scampar,
gnanca in Cesa no se pol pì ndar!

Par quei che spazi non i ghe na, ciapa quei de le cità,
la vede dura tut al temp fra quatro mura, pieni de paura!

Tason che qua da noi son fortunadi,
an tochet de prà, an camp, al ort,
se cata da far de qualche sort!

De far la spesa ognun se indegna,
pur de aver la panza piena!

In fila muti, con mascherina e guanti,
pì den metro de distanza tuti quanti!

Che se dà da far l’è le Cassiere, i Corrieri, i Volontari,
che in te ‘sti dì i riscia senza vardar orari!

Che impresion! Ospedai pieni in tute le Region!
In prima fila i veri Guerrieri,

Operatori, Medici e Infermieri,
che i dà l’Anima e anca al Cor,
par curar i maladi, solevarli da dolori,
piander e morir con Lori!

No se pol far finta de gnent
e veder scorder via così così i nostri noni, la nostra dent,
senza na careza, an baso, an ultimo saludo dai parent!

Manco mal che la natura no la conos paura,
e a scaldar al Cor ghe ha pensà la primavera,
che senza far rumor,
la impienise la tera coi so fior!

No, … l’è vera che tornerà tut come che l’éra;
già sera quasi in denocion,
co stà bota qua l’economia la va a balon!

Gnanca al temp ne farà desmentegar,
e par tant ghe n’avaron da contar …

Quan che tut questo paserà,
a ognun le proprie riflesion,
parché entro de noi saveron
se tuti i nostri pecà avaron purgà.

Renata Corso – Mel

215. Giornata dei Veneti nel Mondo. In Cansiglio una benemerenza anche al bellunese Emilio Bridda

Si terrà domenica 28 luglio 2019, nella piana del Cansiglio – Località S. Osvaldo, l’undicesima edizione della “Giornata dei Veneti nel Mondo” in concomitanza con le celebrazioni della ventisettesima manifestazione Internazionale “Cansiglio Day” dell’Associazione Trevisani nel Mondo. La Giornata dei Veneti nel Mondo è stata istituita con la Legge Regionale n. 8/2008 che, all’articolo 2, prevede “la promozione di iniziative, anche di carattere internazionale, per mantenere viva la memoria della Grande Migrazione Veneta, in collaborazione con enti pubblici, istituti di istruzione e formazione, università, istituti ed enti culturali e associazioni di Veneti nel Mondo”.

In occasione di questo evento internazionale saranno consegnate delle benemerenze a tre emigranti veneti, che si sono contraddistinti all’estero. Tra questi il bellunese Emilio Bridda, da sempre socio dell’Associazione Bellunesi nel Mondo e del direttivo della Famiglia Ex emigranti “Monte Pizzocco”, con un curriculum che lo ha portato a lavorare in tutto il mondo.

«Siamo davvero orgogliosi che tra le candidature sia stato scelto il profilo di Emilio Bridda», sono le parole del presidente Abm Oscar De Bona, «una persona che merita davvero questo riconoscimento e l’Associazione non mancherà di festeggiare con lui questa importante giornata». Alla Giornata dei Veneti nel Mondo non mancherà nemmeno la partecipazione della Famiglia Bellunese del Nord Reno Westfalia e di diverse Famiglie ex emigranti. Questo il programma: ore 10.30 raggruppamento presso la tensostruttura in località S. Osvaldo; ore 10.45 sfilata di benvenuto con gonfaloni, autorità e partecipanti; ore 11.00 Santa Messa all’aperto; ore 12.00 saluti delle autorità presenti; ore 12.30 consegna onorificenze “Premio Eccellenze Venete”; ore 13.00 Pranzo comunitario nella tensostruttura.

La festa de Borgo Prà

La “leggendaria” festa di San Giuseppe a Borgo Prà; oggi, nel ricordo del Santo, è diventata la festa dei “marangoi”.

Al dì de san Giusepe

a l’era festa granda

par tut quant Borgo Prà,

una festa memoranda.

La messa là in paese

parfin la portission

magari anca i tapeti

esposti tei balcon.

Ma al bel de quela festa

al era su par aria:

bandiere, candeline…

na grande luminaria.

Ghe n’era parfin globi

de moda veneziana

o pur pieghetadi:

decorazion ben strana.

Al colmo era la sera

co se inpinzea l’inpianto:

tuti col nas par aria

ad amirar sto incanto.

La piaza e le burele

an gran pienon de dente:

la festa a Borgo Prà

tuti l’à ancora in mente!

Teresa D’Incà

Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress