“Molto forte incredibilmente lontano”. Corso di scrittura per emigranti

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Si intitola “Molto forte incredibilmente lontano”. È il corso di scrittura dedicato a chi vive o ha vissuto fuori dall’Italia e vuole raccontare la propria esperienza di espatriato. A proporlo la Scuola di scrittura Belleville.

Tre i moduli previsti: nel primo, affidato alla scrittrice Cristina Marconi con il contributo di altri quattro autori italiani, i partecipanti affronteranno i fondamenti della scrittura dalla prospettiva di chi vive all’incrocio tra due culture: scandaglieranno la letteratura dell’espatrio passata e presente; esamineranno le specificità dei diversi generi; affronteranno i dilemmi della focalizzazione, del punto di vista, e quello – centrale – della lingua.

Nel secondo, interamente affidato a Cristina Marconi, il cardine sarà sulla messa a fuoco di un progetto al cui sviluppo gli studenti continueranno a lavorare anche nel terzo modulo, sotto la guida di editor, agenti, scout e altri protagonisti dell’editoria internazionale.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito: www.bellevillelascuola.com.

Consiglio europeo della ricerca: 58 Starting Grants a studiosi italiani

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Italia seconda al nuovo bando R&I programme (programma di ricerca e innovazione) finanziato da Horizon Europe.

Un’iniziativa del Consiglio europeo della ricerca che assegna sovvenzioni (Starting Grants) per avviare progetti di studio. Su 397 partecipanti, i nostri connazionali ad aggiudicarsi un finanziamento sono stati 58, facendo dell’Italia il Paese più rappresentato per numero di borse assegnate a propri cittadini dopo la Germania (67).

Con una media di un milione e mezzo di euro per progetto, i ricercatori selezionati potranno cimentarsi in studi che riguardano tre macro settori: scienze biologiche, scienze fisiche e ingegneria, scienze sociali e umanistiche.

I vincitori delle borse dello European Research Council provengono da 45 nazioni del mondo e potranno concretizzare i propri piani di ricerca presso università e centri specializzati di 22 Paesi dell’Unione europea.

Il nostro Paese raccoglie 28 opzioni, risultando sesto per numero di istituzioni che ospiteranno percettori di Starting Grants. Sovvenzioni che verranno impiegate principalmente in ambiti connessi all’area scienze fisiche e ingegneria, e in misura minore in quelle delle scienze sociali e delle scienze biologiche.

«L’Italia si conferma in testa alle classifiche europee dell’innovazione, sia nella sua capacità di formare giovani talenti in campo scientifico e tecnologico, sia per il livello offerto dalle università e dalla galassia di istituzioni scientifiche operanti nella ricerca», il commento del Ministero degli Esteri a proposito dei risultati ottenuti.

I dati in dettaglio sono disponibili sul sito: erc.europa.eu.

Fotografia e Terzo Settore. Aperte le candidature per il progetto “Italia Inclusiva”

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

“Italia Inclusiva”. Si chiama così il nuovo progetto della Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina, un progetto nato per «valorizzare il terzo settore italiano all’estero».

L’iniziativa riguarda la realizzazione di progetti video-fotografici che raccontino l’attività di sei associazioni non profit italiane.

«Il progetto – spiega la Direzione – mira a comunicare all’estero il contributo del terzo settore, tentando di restituirne la varietà, attraverso la selezione di sei macro-aree di intervento, che richiamano gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030: legalità, empowerment femminile, rigenerazione urbana, integrazione sociale, sport, imprenditoria sociale».

«Per la promozione e la valorizzazione di questo importante patrimonio socio-economico – prosegue la Direzione – verranno realizzati dei progetti video-fotografici che raccontino l’attività delle associazioni individuate attive nei settori citati, in continuità con la consolidata tradizione della fotografia italiana nella lettura dei luoghi e della società».

A tal proposito è stato emesso un avviso pubblico rivolto a fotografi e video maker che rimarrà aperto fino al 4 febbraio 2022.

«I sei artisti selezionati – si legge nella nota di presentazione del programma – potranno sviluppare il loro progetto video-fotografico osservando nel corso di alcuni mesi il lavoro e la storia delle associazioni. I progetti fotografici saranno poi valorizzati attraverso la realizzazione di sei libri e di altrettante mostre destinate ad essere diffuse nella rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura».

Tutti i dettagli sono disponibili sul sito dedicato: italiana.esteri.it.

Enit. Bandi per 120 assunzioni

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Pubblicati dall’Enit, l’Agenzia Nazionale del Turismo, alcuni bandi finalizzati alla selezione di 120 figure professionali che saranno assunte a tempo determinato.

I progetti si rivolgono a laureati in statistica, economia, giurisprudenza, scienze della comunicazione e lingue.

Le figure scelte lavoreranno al conseguimento di obiettivi e interventi di competenza del Ministero del Turismo previsti dal Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza.

Le domande di ammissione potranno essere presentate entro il 7 gennaio 2022.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito: www.enit.it.

Pensionati residenti all’estero. Al via la campagna per l’accertamento dell’esistenza in vita

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

«A partire dal 7 febbraio 2022, i pensionati residenti nel continente americano, Paesi scandinavi, negli Stati dell’Est Europa e paesi limitrofi, in Asia, Medio ed Estremo Oriente, riceveranno da Citibank NA i moduli di richiesta di attestazione dell’esistenza in vita». È quanto comunicato dall’Inps ai titolari di pensione italiana che vivono all’estero.

Dal 7 febbraio dell’anno prossimo, quindi, Citibank – l’Istituto di credito che esegue i pagamenti al di fuori del territorio nazionale per conto dell’INPS – curerà la spedizione dei moduli ai pensionati residenti nelle aree geografiche indicate. Tali moduli dovranno essere restituiti alla banca entro il 7 giugno 2022.

«Qualora l’attestazione non sia prodotta – spiega l’Istituto nazionale di previdenza – il pagamento della rata di luglio 2022 avverrà in contanti presso le Agenzie di Western Union e, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell’attestazione entro il 19 luglio 2022, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dalla successiva rata di agosto 2022».

L’Inps precisa che, avendo previsto un periodo di quattro mesi per attestare l’esistenza in vita, «non è necessario che i pensionati, come in passato, si rechino da subito, non appena ricevute le lettere, presso gli uffici consolari, Patronati o autorità locali», questo anche in considerazione della necessità di evitare assembramenti pericolosi, vista l’emergenza sanitaria in corso.

Nella sua comunicazione l’Istituto ricorda anche che assieme al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale è stato attivato un progetto «che prevede la possibilità per i pensionati di rapportarsi con gli uffici consolari tramite un servizio di videochiamata».

L’esistenza in vita può essere attestata anche inviando copia digitale del modulo ricevuto (assieme a un documento d’identità) all’indirizzo di posta elettronica istituzionale del locale ufficio consolare del Paese di residenza. La sede contatterà il pensionato tramite email, se presente, o tramite videochiamata, se sul modello è indicato il recapito telefonico.

«Per rendere operativo tale servizio di videochiamata – sottolinea l’Inps – i pensionati sono invitati a indicare l’indirizzo di posta elettronica e il recapito telefonico nel modulo di attestazione dell’esistenza in vita da inviare a Citibank NA».

Altra sottolineatura: «Nei casi in cui il pensionato non possa produrre l’attestazione standard, Citibank NA accetta i moduli di certificazione di esistenza in vita emessi da autorità locali, quali testimoni accettabili, le cui liste, distinte per aree geografiche, sono consultabili nel sito di Citibank NA alla pagina web dedicata».

Inoltre, con riferimento agli uffici consolari, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, su proposta dell’Istituto previdenziale, ha emanato una circolare nella quale si invitano le strutture consolari a considerare gli adempimenti relativi all’accertamento dell’esistenza in vita tra i servizi urgenti, indifferibili e garantiti ai pensionati residenti all’estero anche in caso di chiusura a causa dell’emergenza sanitaria.

Per quanto riguarda i titolari di pensione residenti in Europa, Africa e continente australe, fatta eccezione per chi si trova nei Paesi Scandinavi e in quelli dell’Est Europa, l’Inps fa sapere che è stata condivisa con la banca anche la tempistica relativa alla seconda fase della campagna di accertamento dell’esistenza in vita, riferita agli anni 2022 e 2023.

In questo caso, la spedizione delle richieste di attestazione dell’esistenza in vita inizierà dal 14 settembre 2022. I pensionati residenti nelle aree citate dovranno restituire a Citibank i moduli ricevuti entro il 12 gennaio 2023.

Se il processo di verifica non è portato a termine entro questa data, il pagamento della rata di febbraio 2023 avverrà in contanti presso le Agenzie di Western Union e, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro il 19 febbraio 2023, il pagamento della pensione sarà sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di marzo 2023.

Per ulteriori dettagli si rimanda alla pagina dedicata all’accertamento dell’esistenza in vita disponibile sul sito dell’Inps: www.inps.it.

Servizio civile universale: 86 posti in provincia di Belluno, uno anche all’Abm

SOSTIENI L’ASSOCIAZIONE BELLUNESI NEL MONDO. DIVENTA SOCIO

Scadrà il 26 gennaio alle 14:00 il nuovo bando per il Servizio civile universale.

Oltre 2.800 i progetti messi in campo per il periodo tra il 2022 e il 2023, sia in Italia che all’estero.

I posti disponibili sono 56.205. L’iniziativa si rivolge ai giovani tra 18 e 28 anni interessati a impegnarsi in iniziative di durata variabile tra gli 8 e i 12 mesi.

In provincia di Belluno sono disponibili 8 progetti per un totale di 86 posizioni aperte. Il coordinamento è affidato all’Unione Montana Feltrina, che propone progetti della durata di un anno, per un impegno di 25 ore alla settimana e un’indennità di servizio pari ad 444,30 euro mensili.

Gli ambiti di intervento sono tre: Assistenza (3 progetti), Biblioteca/Museo (2 progetti), Protezione Civile/Riqualificazione Urbana (3 progetti). Al bando partecipa anche l’Associazione Bellunesi nel Mondo, nell’ambito del progetto “La cultura come resilienza 2.0”.

Oltre al requisito dell’età, le candidature sono aperte per i cittadini di uno degli Stati membri dell’Unione europea, oppure – in caso di cittadinanza di un Paese extra UE – per chi è regolarmente soggiornante in Italia.

Il bando nazionale è presente sul sito del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale: www.politichegiovanili.gov.it; quello relativo al Bellunese è consultabile sul sito del CSV Belluno-Treviso: www.csvbelluno.it.

Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress