463. Firmato a Villafrati, Palermo, il protocollo di intesa per il patto di gemellaggio tra il MiM Belluno e il Museo delle Spartenze dell’area di Rocca Busambra

da | 30 Ott 2018 | 0 commenti

Tempo di lettura: 3 minuti

Sabato 27 ottobre presso il polo culturale del Baglio di Villafrati, provincia di Palermo, in corso San Marco, si è svolta la cerimonia pubblica per la firma del protocollo di intesa per il Patto di gemellaggio tra il Museo dell’Associazione Bellunesi nel Mondo, il MiM Belluno,  e il Museo delle Spartenze dell’area di Rocca Busambra.
Da Belluno era presente il presidente Abm Oscar De Bona con il direttore Marco Crepaz. «Siamo onorati di avviare questa collaborazione – le parole del sindaco di Villafrati Francesco Agnello – perché sappiamo che il MiM Belluno è un museo innovativo che affronta il tema delle migrazioni, un tema comune a tutta l’Italia e quindi anche al nostro territorio siciliano». La presentazione è stata fatta dal direttore responsabile del Museo delle Spartenze, Santo Lombino, e nel suo intervento ha focalizzato l’importanza della conoscenza e della storia dell’emigrazione italiana, che si deve intrecciare con l’immigrazione. Diversi gli interventi che si sono succeduti. Il prof. Giuseppe Sommario, direttore artistico del Piccolo Festival delle Spartenze di Paludi (Cosenza) ha evidenziato come sia necessario portare nelle scuole, come materia, l’emigrazione e a tal proposito ha fatto un plauso alla Regione Veneto e alle sue associazioni in emigrazione per quanto stanno facendo a tal proposito.
«In Sicilia ci sono sette musei dedicati all’emigrazione locale – il commento del prof. Marcello Saija dell’Università degli Studi di Palermo, Dipartimento di Scienze Umanistiche – ma non dobbiamo dimenticarci dell’immigrazione e di come gli immigrati stiano supportando la crescita del nostro Sistema Italia».
Prima della firma del protocollo d’intesa non sono mancati gli interventi di De Bona e di Crepaz. Il primo, in qualità di presidente dell’Abm ha ringraziato il sindaco di Villafrati e tutti i suoi collaboratori per l’accoglienza e per la volontà di avviare questa collaborazione. «L’Associazione Bellunesi nel Mondo da sempre fa rete e collabora anche al di fuori dei propri confini provinciali – il commento di De Bona – anche perché facciamo parte dell’Unaie e perché non dobbiamo dimenticare quanto hanno fatto i nostri emigranti per il futuro stesso del nostro Paese. La memoria è importante sopratutto in momenti come quelli che stiamo vivendo in cui si vive un profondo smarrimento e questo non solo da parte dei nostri giovani, ma anche dalla nostra dirigenza politica e sociale». «Di certo – ha concluso De Bona – questo è solo l’inizio di una collaborazione che sono certo porterà risultati concreti e positivi». Gli ha fatto eco il direttore Abm Marco Crepaz: «Quando il direttore Lombino ci ha proposto un gemellaggio abbiamo subito detto di sì ed è un piacere essere qui con tutti voi. La collaborazione sarà reciproca, perché da entrambe le parti dobbiamo imparare qualcosa. Quel che è certo è che dobbiamo puntare alle scuole proponendo laboratori didattici e mostre temporanee»
La giornata si è conclusa al teatro del Baglio con il concerto “Mamma mia dammi cento lire” presentato da Roberto Lopes che ha introdotto i canti e le canzoni dell’emigrazione eseguite dalla compagnia dall’associazione “Prospettive”.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa socio

Diventa socio dell'Associazione Bellunesi nel Mondo

Dona il 5×1000 all’ABM

Dona il 5x1000 all'Associazione Bellunesi nel Mondo

Ascolta Radio ABM

Ascolta Radio ABM - voce delle Dolomiti

Entra nella community di Bellunoradici.net

Entra nella community di Bellunoradici.net

Visita il MiM Belluno

Visita il MiM Belluno - Museo interattivo delle Migrazioni

Scopri “Aletheia”

Scopri il Centro studi sulle migrazioni Aletheia

I corsi di Accademiabm.it

Iscriviti a un corso di Accademiabm.it - la piattaforma e-learning dell'Associazione Bellunesi nel Mondo

Share This
Open chat
1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Design by DiviMania | Made with ♥ in WordPress