Sergio Gobesso di Liegi ci scrive: “in questi giorni ho fato un po’ di ordine nella mia biblioteca e ho trovato questa poesia che parla delle prime donne Bellunesi che dopo la seconda guerra mondiale sono “emigrate” in Svizzera per lavoro. Penso che non tutti i Bellunesi nel mondo , anziani e giovani, siano al corrente di questa storia. Complimenti per la rivista “Bellunesi nel Mondo” che ad ogni mese mi fa sentire l’aria profumate delle nostre bellissime montagne.

40 ANI FA

Son partida del quarantasei

finì la guera con pochi schei.

No ghe n’era la coriereta,

me à toca partir con la careta.

No se era na gran fila,

tre da Mel, nove da Vila.

Na careta de alegria

se cantea quela de la ferovia.

Dio mio quanta emozion

veder la prima olta la stazion.

Che spavento veder al treno

col rumor che fea col freno.

Passaporto belo e fato

da timbrar al consolato.

A Venezia son rivade

an poc timide e scaturade.

Senza tanti complimenti

la Beppina coi documenti

l’è sparida tut a un trato

in barcheta al consolato.

E noialtre a torziolon

a girar par la stazion.

I me vardea con face strane

magnar patate americane.

Rosamaria l’à trova la scusa

par andar a veder almanco

na cesa.

Là ghe n’era na Madona

co la facia bela e bona.

Rosamaria la andea de troto

chè sul piè l’avea an ceroto

e da drio avea le broie.

Anca mi come mi mama

s’avea paura par la dogana.

Sora al vestì vecio e sot al novo

era dura come an ovo.

Ho vardà la via. Che bela!

Conceta la vist na fontanella

la cor con streta la botilia in man

intant al parte al terno par Milan.

Che spavento in quel momento

se no i me tegnea in quel vagon

avria rot anca al cordon

che l’è piccà proprio sul treno

e sot l’era scrit “alarme freno”.

A Como la prima stazion,

avon lassà passaporto, valisa e paccon.

Dopo, partide in qualche maniera,

alla volta di Chiasso che

che l’era na frontiera.

Ades miei cari ve voi raccontar

Come ò fat la frontiera a pasar.

Te na sala granda alora i me dis

de lasar tute le nostre valis.

E’ in fila indiana come i militar

na siora  granda se mes a osar:

“ades tute nude dove restar”.

I vostri vestiti ten questo casson

che dopo tel forno i disinfeton.

Nude come vermi e senza gnint ados

sot le doce calde, par tera l’era an fos.

 Ten scatolon  ghe n’era na sorta de saon

che per lavar partera l’era proprio bon.

In testa na polvereta contro i pedoci

che quando la colea la me brusca i oci.

An sugaman a vita e senza far rumor,

ancora tute in fila davanti a sto dotor

e lu ne controlla co l’ocio sto furbon

Le bone da na banda, le altre ten canton.

Quele le piandea in silenzio senza far bacan

no le podea emigrar par guadagnar al pan.

Ancora tute in fila sta manfrina

na cuerta sule spale come na mantellina

e con an sofiet de vide con dentro na polvereta

i te sofiea davanti e anca la ciapeta,

pasar davanti a sto dotor.

E lu ne controlea co l’ocio sto furbon,

dea emigrar par guadagnar al pan.

Finida sta boada, finida sta manfrina

na certa sule spale come na mantellina

e con an soviet da vide con entro na polvereta

i te sofie davanti e anca la ciapeta.

Ancora te la sala intant che se vardon atorno

L’è riva i vestiti caldi, pasadi entro al forno.

Ancora in fila indiana verso la stazion

e ancora polvereta su valise e scotolon

e dopo i pasaporti i ne à consegna.

Quanti nomi strani ho sentì quela olta la.

Parò i e stati boni, i me à consegnà an   sachet

con entro cinque franchi, an pan e an giornalet.

Partide dopo in treno l’era proprio bel,

al ndea tant in presa senza far bordel.

Dopo tre dì de viado son rivada a destinazion.

Rivada tel convito fat su coi maton

se sona an campanel, gnen fora na suora

che i me dis pi tardi l’è la Superiora.

Alta e ben mesa in carne, la pare l’abondanzia

el so nome la ne dis: “Me ciame suor Amanzia”.

E l’era na taliana e l’era na trentina

e le so “martecole” (ragazze)

L’è rivade doi settimane prima.

Se sente na vocetta de una magrolina

e con bel far la dis “Mi son suora  Giacomina”.

E da la man me mola l’amiga mea Darietta

tuta contenta la dis:“Questa l’è la me zieta”.

In refetorio quatro tole bele

 già pareciade co le scudele,

cafelat marmellata col so pan.

Lore le saea che se avea na gran fan.

Fini de magnar son ‘date in Capela

parché se dovea veder anca quela.

Dopo tuta la compagnia

In dormitorio S. Maria.

Na stanza tant granda, na fila de let

che tuti in medo i avea i mucet.

Co la so fodra a quadratin,

la entro in Svizzera i li ciama “piumin”.

Al cen calt l’e morbido e cocolon

ancora ades al dopere in ogni staion.

E boutade tel let con tanta son

no i se sveiea  gnanca i colpi de ton.

Ve salude e scuseme amighi mei

l’era al settembre de quarantasei!

Questa poesia è stata scritta dalla signora Marroncini in ricordo del primo viaggio in Svizzera come emigrante .

1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Powered by
Share This
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress