Dietro ai successi di una campionessa come Sofia Goggia e, in generale, della Nazionale azzurra di sci, c’è un bellunese. O meglio, un longaronese di Fortogna: è Giovanni Feltrin. Per tutti, semplicemente, “Johnny”. È lui a guidare l’Italia delle discipline veloci di sci alpino femminile.

Dal 2013 al 2017, è stato il vice di Alberto Ghezze. Il quale, una volta promosso al ruolo di responsabile dell’area sportiva della Fondazione di Cortina 2021, ha lasciato il testimone proprio al tecnico di Longarone. Ebbene, con “Johnny” al timone, i risultati in ambito internazionale sono arrivati immediatamente. Dalla serie di podi in Coppa del mondo a una delle pagine più emozionanti e splendenti dello sport invernale italiano: l’oro a cinque cerchi conquistato da Sofia Goggia ai Giochi olimpici di PyeongChang (in Corea), nella discesa libera. Per capire la portata dell’impresa, è sufficiente aggiungere che la campionessa guidata dallo stratega di Fortogna è la prima italiana ad aver agguantato lo scalino più alto del podio, nella libera: prima di lei, alle Olimpiadi, solo un uomo aveva dominato in questa specialità. Ovvero, Zeno Colò (nel 1952). Nessun dubbio: c’è tanto di Feltrin nella medaglia d’oro di Goggia. Perché il tecnico ha saputo toccare le corde giuste della discesista, impostando un lavoro sopraffino, basato sulla tecnica individuale, sulla gestione della gara, ma anche e soprattutto su un rapporto umano molto solido come quello che intercorre tra “Johnny” e la talentuosa Sofia.

Tuttavia, i successi non hanno cambiato di una virgola un allenatore profondamente legato alla sua terra di origine. Basti pensare che, insieme a un gruppo di amici, Feltrin ha fondato un’associazione, con lo scopo di offrire un’opportunità ai ragazzi della provincia di Belluno, desiderosi di praticare sport: la Pro-S. «Tutto nasce da una profonda passione – spiegano i promotori -. In questo senso, Feltrin immagina e si pone un obiettivo importante: aiutare i giovani sportivi del nostro territorio che, nonostante il talento, sono spesso costretti ad abbandonare il loro percorso. Pro-S è fatta di persone convinte dell’importanza dello sport come strumento educativo e di crescita umana, abbraccia con entusiasmo l’idea di sostenere con ogni mezzo ed energia il percorso dei ragazzi, affinché riescano a raggiungere i sogni e i traguardi auspicati. Sempre nella consapevolezza di potersi avvalere, in questa avventura, dell’aiuto di numerosi simpatizzanti e sostenitori». Anche il Comune di Longarone ha premiato il suo concittadino. E lo ha fatto con la consegna di un attestato di benemerenza per meriti sportivi: “Johnny”, orgoglio locale.

Ma Feltrin è un tecnico che non si culla sugli allori. E ogni vittoria viene vissuta come un punto di partenza: questa è la sua forza. La forza di un allenatore umile e preparato, pronto a colorare la neve di nuove emozioni.

Marco D’Incà

1
Ciao, come possiamo aiutarti?
Powered by
Share This
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress