Pubblichiamo il post del sindaco Jacopo Massaro aggiornato alle ore 13.30 del 31 ottobre 2018 riferito all’attuale situazione del Comune di Belluno dopo gli eventi climatici del 29 ottobre 2018.

1) IMPORTANTE:
Nonostante la situazione sia migliorata e continui progressivamente a migliorare, Enel e Terna sono in grande difficoltà e le zone senza energia elettrica rischiano di rimanere senza luce (e quindi senza riscaldamento) per qualche giorno. Quindi:
– chi ha bisogno di un luogo dove dormire perché non ha trovato ospitalità da parenti o amici, o ha bisogno di ricevere un pasto, fare una doccia o ricaricare il cellulare può già recarsi alle scuole medie Ricci, vicino alla stazione ferroviaria di Belluno.
– chi ha bisogno di ricaricare il cellulare o farsi una doccia, dalle 14:00 alle 18:00 può recarsi alla scuola media Zanon di Castion oppure alla casetta degli Alpini di Salce vicino al campo sportivo.
– a Cirvoi inoltre è possibile ricaricare il cellulare o fare rifornimento di acqua presso la Cooperativa di Cirvoi dove abbiamo portato alcune taniche ed è attivo un gruppo elettrogeno.
– tutti coloro che hanno particolari necessità, hanno bisogno di un pasto a domicilio, hanno bisogno di un servizio di trasporto, hanno bisogno di ospitalità per una persona disabile o con necessità particolari può contattare il numero 328-2287358.
– tutti coloro che avranno bisogno di mangiare alla scuola Ricci sono invitati a chiamare il 328-2287358: così riusciamo a capire quanti pasti preparare.

Con Prefettura e forze dell’ordine è stato attivato un servizio antisciacallaggio per coloro che devono abbandonare le proprie abitazioni.

2) IMPORTANTE:
l’assenza di energia elettrica impedisce a GSP di erogare acqua nelle seguenti zone:
– Cirvoi
– Nevegal
Le nostre squadre stanno arrivando per capire se qualcuno ha bisogno di essere portato alla scuola media Ricci per la notte. Chi ha la possibilità di muoversi autonomamente può recarsi direttamente alla scuola media Ricci.
Ci sono comunque problemi di pressione dell’acqua IN VIA DI RISOLUZIONE anche nelle zone di Vezzano, Gioz, Bolzano bellunese. Altrove l’acqua è già tornata quasi completamente.

3) salvo via Miari e il ponte Bailey, che restano CHIUSI, il resto della viabilità è stato progressivamente ripristinato. Si sta continuando a lavorare sulla viabilità minore della zona alta del comune.

4) ricordo che oggi le scuole e le strutture sportive comunali sono chiuse.

5) dovrebbero essere terminati i rilasci di acqua da parte delle dighe del Cadore. Tuttavia avvicinarsi ai corsi d’acqua è ancora PERICOLOSISSIMO. Per questo motivo ricordo che è assolutamente vietato avvicinarsi all’area di Lambioi, del Piave, dell’Ardo e di qualunque altro corso d’acqua.

6) l’acqua dovrebbe essere ancora potabile; tuttavia se esce torbida è opportuno usare acqua in bottiglia per scopi alimentari.

7) sono tornati gli autobus, che ci aiutano a contenere il traffico. Vi invito ad usare prioritariamente quelli. Per ovvi motivi i percorsi sono leggermente variati, soprattutto per quanto riguarda le linee che collegano il castionese. Vi invito a leggere sul sito ufficiale di Dolomitibus le modifiche ai percorsi. Il sito verrà costantemente e progressivamente aggiornato.

8) enti, protezione civile veneta, lombarda, emiliana e piemontese hanno progressivamente ripristinato il collegamento viario con Cadore, Agordino e le altre parti della provincia. Grazie infinite.

9) ricordate che nessun volontario di Protezione Civile vi chiederà mai di entrare nella vostra casa. Noi ci stiamo limitando a pattugliare le zone che hanno bisogno di assistenza e a fornire informazioni.

10) permangono problemi di comunicazione telefonica.

11) tenetevi sempre informati per favore consultando solo canali ufficiali. Potete controllare ad esempio: il sito istituzionale del Comune di Belluno, della Prefettura, la pagina Facebook del sindaco di Belluno o del comune. Evitate di dare credito a informazioni non verificate, che creano un sacco di problemi ai soccorritori.

Un grazie a tutti voi per l’aiuto che ci date: riceviamo poche lamentele, molte disponibilità a collaborare e tantissimi incoraggiamenti, che ci fanno bene e ci confortano. Come ho già detto, si vede che siamo a Belluno. Un grazie speciale alle centinaia di volontari impegnati incessantemente, alle forze dell’ordine, a tutti i lavoratori impegnati per la nostra sicurezza.
Un pensiero a tutti i Concittadini e i colleghi sindaci in difficoltà, anche gravi, nelle altre zone della provincia. So che molti non se la stanno passando affatto bene.

Share This
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress