14. La poesia della settimana in dialetto bellunese: San Martin

La storia la ne dis che san Martin

par cuerdar da la pioÅLva n poreca`n,

senža pensarghe gnanca n scianteni`n,

l a fat, an di`, doi to`c de l so gaba`n.

Par ricordar sto sioÅLr tant generoso,

su l Nevega`l, do sot al Visenti`n,

i a bateda` n albergo asa`i gražioso

co l nome de sto Santo: “San Martin”.

L e n albergheÅLt indove che l cliente

al vien trata` me`io che in fameÅLia,

“E’ un postici`n calduccio e accogliente”.

Insoma proprio bel, na meraveÅLia!

Ma co i te porta l conto, porcoca`n,

sara` canbia` la storia, no lo so,

no l e pi` l Santo a darte l so gaba`n,

ma ti che te ghe lasa l paleto`!

Pero` l e cusi` bel in primavera

gusta`r an goto drio le so verande

che mi ghe lase, infati, volentieÅLra

anca i calžet, le braghe e le mudande.

Ugo Neri

09. La poesia della settimana in dialetto bellunese: la monega

La monega!
Ve ricordeo tosat
de la monega?
Che bel calduź
che la feasot le querte!
Che bel che l’era
slongar do le gambe
fin in fondo
e sentirtut quel tiepiduź!
Podea esserghe
fret de fora
e podea sui vieri
esserghe i ricamide giaź,
ma co’ te era sot,
sot quele querte
al calduź de la monega,
te te sentìa an siore t
e vegnea la voia
de far l’amor.

Giovanna Dal Molin

04. La poesia della settimana in dialetto bellunese: Neve

Che bela, la neve!
Che bona, la neve!
Amiga, la neve!
No te la sent
ma te la vede:
piumete farfaline stelete
libere le va…

Su sta pore tera
an lenziól se poja
ben destirà
e vien gran voja
de net
de caltna querta
sui denocian libro
an brulè
che scota
e tuti i toi
cocoladi
sul sofà…

Che ben
che ben
che se sta!

Giovanna Dal Molin

Al presepio

AL PRESEPIO

L’era ani che volée

far ‘na roba là in saloto,

ma an cinét me vergognée

e po’ ‘ndée zogar al loto.

Ben, lo fàe, ho dit ‘sto an;

l’é question de far ossequio,

proprio co’ le me do man

costruise an bel Presepio.

Càte al muscio sul murét,

la giaréta fora a Prade…

Manco ml che co’ ‘sto frét

nesun gir pa’ le strade.

Po’ son ‘ndat lasù in sofita,

me vien drio soltanto al gat,

co’ ‘na roba mi l’ho dita

redevente an cin tosàt.

Méte tut là su la tola,

tel canton de la fenèstra,

me mojer l’é ‘ndata sola

a  far ginastica in palestra.

Sul comò va al compensato,

contro al mur méte al cartón,

e par farghe posto al prato

sposte la television.

Tire fòra la Madona,

i Re Magi e ‘l Bambinèl,

poi coi pié su la poltrona

tache a bàter col martèl.

Torna a casa a l’improviso

la me fémena sudada;

mi ghe mostre an bel soriso,

la me impira co ‘n ociada.

“Co’ i te vede po’ i to fioi

i te dis: “Cosa atu fat?”

Son sicura, tuti doi

i te ciapa par an mat.

Te ha sporcà tut al saloto!

Néta su, che ho da scampar:

vae comprarme an bel capòto,

e se ho temp anca ‘l magnar”

La continua quale osèssa:

“Doman presto scampe via,

co le amighe, dopo Messa,

monte su la segiovia”!

“Cosa dighe ai do tosat,

te sa che no i sta mai boni…”

“Lori doi, ti e anca al gat,

andé fora dai so’ noni!”

Me fìa entra pal porton,

la ne varda tuti doi,

la ne dis che religion

a l’ é l’opio dei  moltói.

(Po’ ghe sona al cellular,

l’é n’amiga che la ciàma,

co’ la finis de parlar

la vol schei da lo so mama.)

Ghe risponde: “No te vede?

No te capis proprio gnént!

Al contrario, l’é la droga

crede e fede de la zènt”:

Al pì piciol l’era cét,

serà nela camereta:

navighéa su Internét

(con in testa na baréta).

Al vien fora e ‘l dis: “Va’ pian

co ‘sta storia del Presepe,

che se ofende al non cristian

se se prega san Giusèpe;

la maestra l’avón vista,

che del Bambinèl Gesù,

par ‘no èser ‘na razista,

no’ la vol parlar mai più!”

“L’é la mejo de ‘sto an! –

dighe – sente e no ghe crede!

par rispèto al cafetàn

se rinunce a la me Fede!”

Me sta ben,l’ é colpa mea;

che par farme rispetàr

anca al nòno me diséa

ogni tant de bastonàr!”

No l’é ‘l caso che ve conte

‘sto dialogo tra sordi.

Fàe ‘l sentiér, la grota, al ponte

e sprofonde nei ricordi.

Là al laghét, là al paesèl,

le montagne su lo sfondo…

‘sto Presepio l’é pì bel

de ‘sto cancro porco mondo!

Luigi Nadalet, Nizza

“Il lavoro di domani”. Il convegno della CAVES

La CAVES (Confederazione della Associazioni Venete in Svizzera), in collaborazione con il Comites di Zurigo, organizza un convegno indirizzato soprattutto ai giovani e a tutti i soggetti interessati alle prospettive sul lavoro del futuro. Il lavoro è l’aspetto fondamentale di ogni persona.

Il convegno, dal titolo “Il lavoro di domani” si terrà sabato 5 novembre 2016 dalle ore 10.30 alle ore 12.30 presso la Casa d’Italia di Zurigo (ERISMANNSTRASSE 6, 8004),

È necessario che i giovani siano prepararti a una nuova forma di flessibilità lavorativa e di professione.

In questa occasione vi sarà la partecipazione di due illustri studiosi: il prof. Lino Guzzella, presidente del Politecnico di Zurigo (ETHZ) e il prof. Sandro Cattacin, direttore dell’Istituto di ricerche sociologiche dell’Università di Ginevra.

Saranno inoltre presenti l’ambasciatore d’Italia Marco Del Panta Ridolfi e il Console Generale di Zurigo Giulio Alaimo.

Questo il programma:

  • ore 10.00 Apertura del salone Pirandello
  • ore 10.30 Inizio dei lavori, presentazione relatori e autorità da parte del Presidente CAVES e Comites Cav. Uff. Luciano Alban.
  • Saluto dell’Ambasciatore d’Italia in Svizzera Marco Del Panta Ridolfi.
  • Saluto dell’Assessore della Regione Veneto on. Manuela Lanzarin
  • Lino Guzzella dialoga con Sandro Cattacin sul lavoro di domani
  • Domande da parte del pubblico giovanile e dei formatori scolastici
  • ore 12.30 Conclusione dei lavori
  • Seguirà un rinfresco

Per eventuali informazioni rivolgersi a:

  • Luciano Alban +41(0)44 740 04 07 / +41 (0)79 175 42 72 / e-mail: luc_alban@hotmail.com
  • Saverio Sanvido +41(0)44 810 55 97 / +41(0)79 450 89 07 / e-mail: sanvido@hispeed.ch

Come arrivare:
Stazione Centrale HB, Bus nr. 31, fermata Güterbahnhof
Stazione Hardbrücke, a piedi 10 min. o con il Bus nr. 33 fino a Hardplatz
ERISMANNSTRASSE 6, 8004 ZÜRICH

sale neroSALE NERO.
STORIE CLANDESTINE
di Valentina Loiero; con un intervista a Andrea Camilleri; prefazione di Laura Boldrini
Roma: Donzelli, 2007

Il difficile percorso di una giornalista del Tg5 che inizialmente per caso e quasi controvoglia è costretta a raccontare i viaggi, le storie, i drammi di un’umanità invisibile, eppure tanto vicina. Le storie di traversate e naufragi che diventano man mano drammi vissuti in prima persona da chi era lì per tenere il conto degli sbarchi e finisce travolta da una tempesta di emozioni, quando mese dopo mese quei numeri diventano volti e quindi vite. Sullo sfondo, le mille contraddizioni di Lampedusa: paradiso delle vacanze che gli abitanti vorrebbero proteggere a tutti i costi dai “turchi”, da coloro cioè che potrebbero rappresentare un pericolo per il turista. Sullo sfondo anche l’altra sponda: la Libia e i suoi trafficanti. Non solo storie ma anche riflessioni e analisi su un fenomeno in evoluzione.

Disponibile presso la Biblioteca delle migrazioni “Dino Buzzati”, anche attraverso il sistema di interprestito.
Per info e contatti:
biblioteca.migrazioni@bellunesinelmondo.it
Facebook: bibliotecaemigrazione
Tel. + 39 0437 941160

Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress