Uno degli aspetti maggiormente apprezzati del MiM Belluno – Museo interattivo delle migrazioni – è rappresentato dal suo carattere multimediale. Il museo propone infatti una serie di filmati attraverso i quali viene spiegata la storia migratoria italiana e veneta. L’interattività è invece offerta dai percorsi con le “guide virtuali”: tre guide registrate che dai monitor interagiscono con i visitatori e li accompagnano nel loro percorso consentendo di vivere l’esperienza del MiM in totale autonomia, ma senza rinunciare alle informazioni e ai consigli che potrebbe fornire l’accompagnamento di una guida in carne ed ossa.

Grazie a un contributo della Regione Veneto nel mese di ottobre al MiM verrà fatto un aggiornamento che prevede il miglioramento del sistema audio, la realizzazione di un sistema centralizzato per la gestione dei monitor (utile in particolare ai percorsi con le “guide virtuali”) e un rinnovamento delle bacheche esterne per la promozione del museo.

Inoltre, data la presenza di numerosi visitatori stranieri, sia turisti che discendenti di emigrati veneti si è pensato di agevolare loro la fruizione del museo e garantirgli una piena comprensione di quanto trattato, proponendo i percorsi anche in lingua inglese, tedesca e portoghese.

«Il MiM, dopo quattro anni dalla sua inaugurazione, necessitava di un aggiornamento. Ringraziamo quindi la Regione Veneto, con l’assessore Manuela Lanzarin, per aver approvato il progetto da noi presentato». Queste le parole del presidente ABM Oscar De Bona, che ha concluso: «Siamo certi che con questo investimento il nostro Museo avrà ancora maggiori visitatori e la storia dell’emigrazione veneta sarà maggiormente diffusa».

 

Share This
Design by Alfred Team | Made with ♥ in WordPress